I VOLTI DEL MAECI

ROMA – focus/ aise - Su delega del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il Sottosegretario agli Affari Esteri con delega per gli italiani nel mondo, Ricardo Merlo, ha convocato e presieduto la riunione con tutte le sigle sindacali della Farnesina. Sul tavolo la questione del referendum e dei servizi consolari per i connazionali.
Presenti all’incontro Iris Lauriola (UNSA), Roberto Cefalo (CIDA), Alessio Ciccarella (FLP), Silvia Scarinci (CGIL), Alfredo Di Lorenzo (UIL), Aldo Migani (CISL), il ministro plenipotenziario De Luigi (SNDMAE).
“Ho ascoltato con attenzione tutti i dirigenti sindacali presenti all’incontro – ha detto Merlo – i quali mi hanno comunicato le loro posizioni circa l’organizzazione del referendum confermativo sul taglio dei parlamentari, a cui dovranno partecipare anche gli italiani residenti all’estero regolarmente iscritti all’AIRE”.
“Ho già comunicato al ministro Di Maio l’esito dell’incontro, evidenziando il mio parere su quanto esposto. In epoca di emergenza coronavirus – ha aggiunto il presidente del Movimento Associativo Italiani all’Estero –, se si dovesse tenere il referendum, si richiederà un forte impegno della rete consolare, specialmente in alcuni Paesi dell’America Latina, tra le zone del mondo più colpite dalla pandemia. Su questo si confronterà la politica e in Parlamento si prenderanno le decisioni più adeguate”.
Infine, l’esponente governativo ha voluto ringraziare i sindacati per la loro partecipazione: “ritengo che le organizzazioni sindacali costituiscano uno strumento fondamentale per portare avanti in maniera efficace le politiche per gli italiani all'estero”, ha concluso.
Il Vice Ministro degli Esteri Emanuela Del Re ha partecipato in videoconferenza al lancio del rapporto 2020 sullo stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo, pubblicazione annuale multiagenzia che monitora i progressi verso l’attuazione dell’Obiettivo 2 dell’Agenda 2030 (fame zero, alimentazione adeguata, sana e sicura per tutti). Aperto da un messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Guterres, hanno preso parte all’evento il Presidente dell’Assemblea Generale ONU, Muhammad-Bande, la Presidentessa di ECOSOC, Juul, e i vertici delle agenzie del Polo romano ONU, di UNICEF e dell'OMS.
Nel suo intervento, riporta la Farnesina, Del Re ha ricordato come la diffusione della pandemia a livello globale richieda rinnovati sforzi per eradicare la fame nel mondo. Per questo, “l’approccio della cooperazione italiana punta al rafforzamento del nesso tra intervento umanitario e sviluppo, creando sistemi alimentari resilienti e rafforzando le catene di approvvigionamento sostenibili. Continueremo questa azione sfruttando le sinergie con la Presidenza G20, e sostenendo lo sviluppo ulteriore dell’iniziativa della “Food Coalition". Il Food Systems Summit del 2021 sarà inoltre un’occasione importante di confronto su nuove idee, basate su evidenze scientifiche, attraverso il coinvolgimento di tutti i rilevanti stakeholders e, in particolare, il settore privato, la società civile e i giovani”.
“Come italiani - ha concluso Del Re - riconosciamo l’importanza della dieta mediterranea, patrimonio dell’UNESCO, per l’alta qualità dei prodotti derivante dalla ricchissima biodiversità del nostro territorio, un approccio basato su diete salutari e sicurezza nella produzione alimentare che siamo pronti a condividere con i nostri partners”.
Il Sottosegretario agli esteri Ivan Scalfarotto ha avuto ieri un colloquio in videoconferenza con il Segretario Generale dell’OCSE, Angel Gurria - assistito dai Direttori dell’Organizzazione responsabili per le materie del commercio e dell’agricoltura, dell’imprenditoria, delle PMI, delle regioni e delle città, delle politiche fiscali e delle questioni G20. Ne dà notizia la Farnesina, spiegando che si è trattato di un confronto estremamente costruttivo dal quale è emersa una profonda sintonia tra Gurria e Scalfarotto sui principali temi economici, sintonia che costituisce una premessa essenziale per una proficua collaborazione tra Italia e OCSE durante la prossima Presidenza del G20.
Scalfarotto, in particolare, ha ricordato come l’Italia, Paese manifatturiero e settimo esportatore al mondo, abbia a cuore l’importanza di aggiornare le regole del commercio internazionale e la struttura dell’OMC alla realtà del XXI secolo, in primis per quanto concerne il commercio elettronico. Ha inoltre sottolineato l’intensa attività preparatoria del Governo nella prospettiva della prossima presidenza del G20 incentrata su tre “P”: People, Planet, Prosperity, ovvero sulle tematiche del lavoro, della parità di genere, della cultura e dell’istruzione; sui temi ambientali e sulle tematiche climatico-energetiche; su digitalizzazione e intelligenza artificiale.
A margine dell’incontro, Scalfarotto si è detto “molto soddisfatto della cooperazione tra Italia e OCSE in questa fase di post emergenza Covid e vorrei sottolineare come la collaborazione tra Governi in ambito multilaterale, sarà essenziale per superare la difficile congiuntura economica e le sfide che si prevedono per i prossimi mesi”. (focus\ aise)