MENIA (FDI): IL GOVERNO ASCOLTI LE NOSTRE PROPOSTE PER NON SUBIRE IL COVID

ROMA\ aise\ - Dal South working all’Italy working, aggiornamento tabelle e non pregiudizio per cittadini Aire, potenziamento dei servizi consolari. Sono le proposte “anti Covid” giunte dal web meeting promosso dal Dipartimento Italiani all'Estero di Fratelli d'Italia, guidato dall'on. Roberto Menia, alla presenza tra gli altri dell'ex ministro degli esteri, ambasciatore Giulio Terzi di Sant'Agata, del presidente del Ctim Vincenzo Arcobelli e di alcuni rappresentanti dei Paesi inseriti in tabella F delle norme Covid.
Negli ultimi mesi, complice la nuova logistica del lavoro dettata dalla pandemia, abbiamo assistito non solo al lavoro da casa per moltissimi cittadini e cittadine, ma anche al south-working. Ovvero molti italiani del sud sono tornati nei borghi di origine pur lavorando per aziende del nord. Per Menia “si potrebbe estendere questo modus operandi all'Italia intera dall'estero, con una sorta di Italy-working: portare in Italia nostri concittadini che lavorerebbero da remoto nel nostro paese pur conservando il rapporto con le aziende straniere che li hanno assunti. In tal modo si avrebbe anche un interessante ritorno in termini di indotto”.
Mania ha poi evidenziato che “non c’è una Europa virtuosa che ha scampato il pericolo Covid, visto che in questi giorni si ripropone una seconda ondata di contagi che ha visto di nuovo i Paesi europei impreparati: a differenza di quanto dicono a tutt’oggi le tabelle ministeriali che vietano l’accesso in Italia dai paesi in tabella F, in diversi di questi le curve di contagio sono da alcune settimane in rapida discesa. Ci si riferisce ad esempio a Panama, Santo Domingo, Brasile, Perù. Le nostre comunità all’estero”, ha sottolineato Menia, “si chiedono con quali dati siano state costruite le tabelle e di conseguenza come siano di classe a paesi che oggi dovrebbero stare in tab D, E, F o al contrario perché permangano in tab F paesi dove ormai il pericolo non è più presente o comunque in misura molto minore”. La richiesta è di un “monitoraggio costante” e un “aggiornamento periodico delle tabelle”.
“Ancor più importante” per Menia è “la questione relativa a quegli italiani che, proprio per osservare scrupolosamente la legge e le norme, si sono iscritti all'Aire ma ai quali è stato precluso il viaggio di ritorno in Italia dai paesi di fascia F. Non è stato bello, francamente, sentirsi considerare cittadini di serie B pur essendo presenti nelle liste Aire”.
Infine, Menia ha sottolineato che “l'emergenza Covid ha evidenziato in diversi paesi notevoli problematicità e mancanze nei Servizi consolari, al di là dei servizi emergenziali che hanno continuato a essere erogati, in diversi paesi, dall’Africa all’America. In Brasile ad esempio la chiusura perdura da sei mesi, il che è inaccettabile sia considerato il ruolo del Consolato, sia considerato il contesto lavorativo brasiliano dove altri uffici al pubblico sono da tempo riaperti. Urge la creazione di un call center dedicato”, ha concluso Menia, “per orientamento dei cittadini italiani viaggianti”. (aise)