“RICORDI DI UN VECCHIO PERITO MINERARIO GIRAMONDO”: IL LIBRO DI GIANNI RIVIS CON I BELLUNESI NEL MONDO

“Ricordi di un vecchio perito minerario giramondo”: il libro di Gianni Rivis con i Bellunesi nel mondo

BELLUNO\ aise\ - “La memoria non è ciò che ricordiamo, ma ciò che ci ricorda. La memoria è un presente che non finisce mai di passare”. Questa frase di Octavio Paz, poeta e scrittore messicano, rappresenta l’autobiografia di Gianni Rivis, partito da Digoman nel lontano 1958 approdato prima a Schio, poi all’Agip come geologo di cantiere e, incarico dopo incarico, porta la sua opera i cinque Continenti, ricoprendo incarichi sempre più impegnativi e prestigiosi. “Ricordi di un vecchio perito minerario giramondo. Dedicato ai giovani di oggi” il titolo del libro di Rivis che vede la luce grazie all’Associazione dei Bellunesi nel Mondo.
A Gianni, riflettono da Belluno, “va l’enorme merito di aver trasferito su carta le sue memorie, parte di un sapere, che altrimenti sarebbe irrimediabilmente perduto, tramandando ai posteri il racconto del suo trascorso lavorativo”.
Scorrendo le pagine si legge uno spaccato di storia e dell’evoluzione economica italiana nel secondo dopo guerra, ma anche dell’evoluzione tecnologica nella ricerca degli idrocarburi, e del petrolio in particolare, negli anni d’oro per tale ricerca.
È possibile richiedere una copia del libro (10 euro + spese di spedizione) telefonando al numero +39 0437 941160 o inviando una email all’indirizzo edizioni@bellunesinelmondo.it. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi