Sant’Egidio: nel grande campo profughi di Nyumanzi riprende la scuola per i bambini rifugiati dal Sud Sudan

ROMA\ aise\ - “La questione delle scuole, nel tempo della pandemia, rappresenta un problema molto serio. In quasi tutto il mondo, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, gli studenti vivono la difficoltà di seguire le lezioni - spesso online - con gravi conseguenze soprattutto per coloro che, come i bambini profughi, già sperimentano tante difficoltà quotidiane”. È quanto ricorda la Comunità di Sant’Egidio che presenta in una nota la situazione in Uganda, dove ha aperto la “School of Peace” del campo profughi di Nyumanzi.
In Uganda, spiega la Comunità, dal marzo 2020 è iniziato un lungo lockdown; le autorità hanno stabilito di riaprire la didattica "in presenza" almeno per gli studenti delle ultime classi, quelli che devono sostenere gli esami.
Anche la School of Peace, dunque, ha potuto riprendere le sue attività, nel rispetto delle norme anti-Covid.
Gli studenti dell'ultimo anno – riporta Sant’Egidio - entrano in classe dopo la misurazione della febbre e l’igienizzazione delle mani. Indossano le mascherine che la Comunità ha donato alle loro famiglie e seguono anche alcuni corsi di prevenzione del Covid-19 che hanno coinvolto a gruppi non solo i ragazzi, ma anche i docenti e le famiglie. La scuola è stata realizzata grazie al sostegno della CEI-Comitato interventi caritativi a favore del terzo mondo.
Inoltre, Sant'Egidio ha stipulato un accordo con l'OPM, l'ufficio del Primo Ministro ugandese, che consente le "outreach school", ovvero delle scuole all'aperto nei villaggi.
In questo modo, da qualche settimana un gruppo di insegnanti ha iniziato a fare delle lezioni itineranti: i ragazzi, a gruppi di 8-10 alla volta, si riuniscono negli spiazzi davanti le case, che si trasformano, per l'occasione, in scuole a cielo aperto.
“Un modo per assicurare il proseguimento del corso di studi in sicurezza, - conclude la Comunità – prevenendo l'allargarsi di un divario socioculturale che rischia di essere ulteriormente aggravato dal perdurare dell'emergenza sanitaria”. (aise)