160° diplomazia Italia-USA: al via le celebrazioni

WASHINGTON\ aise\ - È stato presentato ieri, 26 gennaio, dall'ambasciatore d'Italia negli Stati Uniti, Armando Varricchio, il logo ufficiale per le commemorazioni del 160° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Stati Uniti, sotto l'Alto Patronato del Presidente delle Repubblica. La presentazione dà il via ad un calendario di eventi e attività che nel corso dell'anno celebrano il passato, presente e futuro dell'amicizia tra i nostri due Paesi.
“Si tratta di un importante anniversario“, ha dichiarato l'ambasciatore Varricchio. “Un'occasione per celebrare i nostri due Paesi, la lunga amicizia tra i nostri popoli e gli stretti legami tra le nostre comunità, i valori che da sempre condividiamo e la creatività che ci ispira l'un l'altro“.
“Si tratta di una ricorrenza simbolica importante per rilanciare il nostro Paese negli Stati Uniti, dopo mesi difficili segnati dalla pandemia, e promuovere i nostri interessi strategici, economici, scientifici e culturali, grazie a strumenti quali il Patto per l'Export, che ha stanziato importanti risorse a sostegno dell'internazionalizzazione delle imprese”, ha proseguito Varricchio. “Sarà anche l'occasione per mettere in luce il nostro ruolo e le opportunità di cooperazione in settori chiave quali innovazione, tecnologia, ricerca, economia, e commercio. Un particolare focus sara' riservato alle giovani generazioni nel rinsaldare le relazioni transatlantiche”.
L'intero Sistema Paese negli Stati Uniti prenderà parte alle celebrazioni e molti degli eventi in programma vedranno anche la partecipazione dell'Amministrazione americana. In particolare, ha riferito Varricchio, “otto grandi eventi scandiranno le celebrazioni nel corso dell'anno, ognuno dedicato ai grandi temi che caratterizzano le relazioni tra Italia e Stati Uniti: storia e politica; giovani, arte, musica e cinema; lingua e letteratura; innovazione e tecnologia; scienza e spazio; economia. Saranno inoltre messe in luce le collaborazioni e le partnership con università, musei, aziende, ed enti culturali sia in Italia che negli Usa”.
Nel corso di tutto l'anno, infine, “italiani, americani ed italo-americani potranno seguire le celebrazioni attraverso un “guestbook” online per condividere messaggi, idee e testimonianze”, ha concluso l’ambasciatore.
L'intero programma sarà raccolto in un sito web dedicato e rilanciato sui social media e sul sito dell’Ambasciata d’Italia a Washington DC. (aise)