"OSPITALITÀ ITALIANA – RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO - ED. 2020": A SOFIA LA 10ª EDIZIONE DEL MARCHIO DI QUALITÀ

"OSPITALITÀ ITALIANA – RISTORANTI ITALIANI NEL MONDO - ED. 2020": A SOFIA LA 10ª EDIZIONE DEL MARCHIO DI QUALITÀ

SOFIA\ aise\ - Nell'ambito della IV Settimana della Cucina Italiana nel Mondo – "Educazione alimentare: la cultura del gusto", il tradizionale appuntamento patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero delle Politiche Agricole alimentari e Forestali, dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e dal Ministero dello Sviluppo Economico, la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria ha organizzato l'evento di premiazione del Marchio di Qualità "Ospitalità Italiana – Ristoranti Italiani nel Mondo" venerdì scorso, 22 novembre, presso il Sofia Balkan Hotel.
In occasione del 10° anniversario del progetto istituzionale di qualità, l'evento si è configurato come la celebrazione della qualità italiana e delle 10 "buone regole dell'Ospitalità Italiana", con le strutture di ristorazione italiana protagoniste indiscusse per la loro capacità di favorire il made in Italy in Bulgaria, di contribuire alla lotta all'Italian Sounding e per la loro perseveranza di "riconoscere" nel Marchio "Ospitalità Italiana" un'opportunità di marketing, un brand internazionale ed un senso di appartenenza ad un network di quasi 2.000 Ristoranti Certificati nel Mondo, Ambasciatori del gusto e della cultura enogastronomica italiana.
In Bulgaria sono stati, infatti, 26 i Ristoranti Italiani risultati idonei secondo la Commissione di Valutazione, l'organo composto da esperti di indirizzo tecnico, rappresentanti delle principali istituzioni ed organizzazioni italiane coinvolte nell'iniziativa istituzionale "Ospitalità Italiana-Ristoranti Italiani nel Mondo", promossa da Unioncamere con il supporto operativo di ISNART-Istituto Nazionale Ricerche Turistiche e sostenuta da Farnesina, Mibact, Mise e Mipaaf.
“Grazie per essere presenti oggi alla 10ª edizione del Marchio di Qualità “Ospitalità Italiana-Ristoranti Italiani nel Mondo” che si inserisce all’interno del programma generale della IV Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, le parole del Presidente della CCIB, Marco Montecchi, che ha aperto l’evento di premiazione. “Mi permetto di dire che aumentano sempre di più le strutture certificate in Bulgaria proprio per la qualità dei nostri ristoratori e l’impegno degli importatori verso l’acquisto e la distribuzione di prodotti esclusivamente “made in Italy” nel Paese. Ringrazio l’Ambasciatore d’Italia in Bulgaria, Stefano Baldi, per essere sempre presente alle iniziative di promozione realizzate dalla CCIB e per farlo anche quest’oggi”.
Proiettato il video promozionale “Dieta Mediterranea” realizzato dal Maeci e proposto in sala a tutti i ristoratori, media e giornalisti presenti, la parola è passata all’Ambasciatore d’Italia in Bulgaria, Stefano Baldi.
“Non posso mancare ad un appuntamento così importante come questo, soprattutto perché si pone perfettamente nel contesto di questa IV Settimana della Cucina Italiana nel Mondo”, ha evidenziato Baldi. “Sono numerose le iniziative che abbiamo tutti insieme realizzato nel corso di questa settimana e questa penso che sia di estrema rilevanza per due motivi: il primo è che molte iniziative, quando si parla di cucina, sono inevitabilmente intorno ad un tavolo mentre questa di oggi è un momento di riconoscimento per la qualità italiana; il secondo è, invece, più legato alla realtà bulgara perché, come dicevo Marco, il numero delle certificazioni è in aumento. È un segnale importante sia a livello locale che a livello italiano. Sappiamo, infatti, che uno dei problemi nel mondo ed anche qui è quello di definire “italiano” quello di “italiano” non è, per cui ogni certificazione che abbiamo, ogni elemento che ci permette di far conoscere quello che è realmente “italiano” rappresenta un vantaggio per tutti noi perché noi sappiamo che quando i potenziali clienti riescono veramente ad apprezzare i nostri prodotti, poi sono anche in grado di discernere la qualità e distinguere il “contraffatto” dal vero made in Italy”.
“Interpreto, pertanto, positivamente questa crescita numerica qui in Bulgaria delle strutture di ristorazione che verranno premiate oggi”, ha aggiunto il diplomatico. “Mi auguro che questa crescita possa essere confermata e intanto mi congratulo per il presente. La mia presenza qui, oltre ad essere di grande amicizia per Marco e Rosa, con i quali lavoriamo sempre insieme, è un modo per dire a ciascuno di voi, con la consegna delle targhe “Ospitalità Italiana” grazie per il lavoro che fate durante l’anno e per la costanza di ricercare e attendere la qualità”.
Evento promozionale del Made in Italy, parte integrante del programma generale della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo – “Educazione alimentare: la cultura del gusto” - il Presidente Montecchi, cogliendo l’occasione della presenza in sala, ha lanciato anche un secondo video promozionale, realizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, #HelpVenezia, a sostegno della campagna di solidarietà promossa dal Sindaco di Venezia, per affrontare l’emergenza acqua alta che ha colpito la città. La campagna, a sostegno della popolazione, gode del supporto della Farnesina e di tutte le ambasciate all’estero, tra cui quella di Sofia.
Tornando al progetto Qualità Italiana, il Segretario Generale della CCIB, Rosa Cusmano, ha ringraziato Montecchi e Baldi, oltre che tutti i 26 ristoratori presenti che, ha sottolineato, “hanno permesso alla collega impegnata nell’implementazione delle fasi progettuali di entrare nelle cucine, nei magazzini nel corso delle visite ispettive nel pieno rispetto del Disciplinare tecnico e del Regolamento di Unioncamere. Quella di oggi è la celebrazione del 10° anno del Marchio di Qualità, un anno in cui voi tutti avete assistito, sin dal momento dell’adesione al progetto, ad una rigidità dei requisiti perché, come annunciava l’Ambasciatore, continua a proliferare il fenomeno dell’“Italian Sounding” e, pertanto, con il nostro partner istituzionale Unioncamere ed il braccio operativo ISNART-Istituto Nazionale Ricerche Turistiche, abbiamo svolto con maggiore impegno l’attività di manutenzione dei ristoratori già certificati nella precedente edizione e l’individuazione delle nuove strutture da certificare. Mi limito alla presentazione della progettualità che conoscete molto bene e che rispettate per 365 giorni l’anno; quello che, invece, posso aggiungere è che il Marchio Ospitalità Italiana è sempre più “riconosciuto” in Bulgaria, è un’opportunità di marketing per i ristoranti perché vi qualifica come strutture rispettanti gli standard di qualità italiana, che non è solo cibo, ma è il servizio ed il personale”.
Cusmano si è, quindi, detta “felice di dire che con tanti di voi abbiamo lavorato insieme nel corso di questi dieci anni, organizzato eventi di promozione all’interno della rete Ospitalità Italiana anche grazie a proposte che ci sono pervenute. A fronte delle 40 candidature, 20 sono, dunque, i ristoranti che quest’oggi riceveranno l’attestato di partecipazione “Ospitalità Italiana ed. 2020” e 6 le nuove strutture risultate idonee. Complimenti a tutti voi per il rispetto della certificazione. Prima di passare alla cerimonia di premiazione, vi invito a "visitare" la mostra delle Regioni, che trovate nella lobby del Sofia Balkan Hotel, promossa dall'Ambasciatore d'Italia a Sofia, e "vivere" un breve “Viaggio in Italia”, attraverso i pannelli in esposizione. L'idea dell'installazione della Mostra – ha spiegato Cusmano – nasce dal fatto che, in primo luogo, siamo nella Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ed in secondo luogo, perché voi Ristoratori siete i maggiori promotori delle Regioni italiane, in considerazione del fatto che al momento della vostra adesione al progetto "Ospitalità Italiana" vi chiediamo di esprimere due Regioni di provenienza della vostra proposta gastronomica. Buon viaggio in Italia. Come vedete, la Mostra si conclude con un ultimo pannello dedicato alla Calabria che porta all'interno della sala della cerimonia. Questo perché la Regione Calabria, con le sue eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche, è l'ospite d'onore delle iniziative da noi promosse nell'ambito della IV Settimana della Cucina Italiana nel Mondo".
Alla proiezione del video spot sull’Ospitalità Italiana, Cusmano ha premiato i singoli ristoratori, consegnando loro la targa alla presenza dell’Ambasciatore Baldi e del Presidente Montecchi. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi