ENIT E CGIE INSIEME PER IL TURISMO DELLE RADICI

ENIT E CGIE INSIEME PER IL TURISMO DELLE RADICI

ROMA\ aise\ - Incrementare il turismo delle radici. È questo l’obiettivo principale che ha portato il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (Cgie) e l’Agenzia Nazionale del Turismo (ENIT) a siglare ieri pomeriggio alla Farnesina, durante la riunione del Comitato di Presidenza del Cgie, un protocollo d’intesa che porterà la due parti a collaborare per incentivare il turismo di italo-discendenti, di connazionali residenti all’estero iscritti all’AIRE e, infine, anche di stranieri interessati alla destinazione Italia.
Ad apporre le firme sull’accordo sono stati il Segretario Generale del Cgie, Michele Schiavone, e Giorgio Palmucci, Presidente dell’ENIT, che si è detto “ben felice” di siglare questo accordo, che “non è, non deve essere e non sarà un protocollo firmato giusto per dire di averlo firmato, ma deve essere un punto di partenza” per una collaborazione che permetterà di instaurare tavoli di lavoro tra “istituzioni, enti, regioni, ambasciate, consolati, istituti italiani di cultura, camere di commercio italiano all’estero, Case Italia e patronati”, i quali, “attraverso il lavoro comune favoriranno la destinazione Italia”.
“Uno dei momenti più alti di collaborazione fra enti, Comites e Cgie”, ha spiegato Schiavone descrivendo il protocollo d’intesa. Quello stabilito ieri, secondo il segretario generale Cgie è, infatti, “un accordo pensato per creare delle opportunità non solo agli italo-discendenti ma anche per gli italiani iscritti all’Aire. E questo dovrebbe aiutare il nostro Paese a creare una crescita”. È questa l’idea alla base della collaborazione fra Cgie e ENIT, che servirà anche e soprattutto ad “allargare i servizi per i turisti di origine italiana, con offerte speciali previste per loro”, come spiegato dal segretario generale Cgie.
Il turismo delle radici, ha evidenziato ancora Schiavone, può infatti “influire positivamente anche sull’economia italiana”, poiché, nel 2018, “si parla di 8mila presenze, che rappresenta un numero sostanzioso” e che rende il settore “uno degli asset più in crescita” del Paese.
Ma “non solo turismo delle radici”, ha spiegato in conclusione il segretario generale Cgie, bensì anche “turismo di studenti, culturale, di adulti e di pensionati”. Una proposta, dunque, di “facilitazione dei servizi” per “tutti gli italiani”. (lu. matteuzzi\aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi