"GLI ITALIANI CHE HANNO FATTO LA FRANCIA": IL COMITES DI CHAMBÉRY AL “MARCHÉ DES CONTINENTS” CON ALBERTO TOSCANO

"GLI ITALIANI CHE HANNO FATTO LA FRANCIA": IL COMITES DI CHAMBÉRY AL “MARCHÉ DES CONTINENTS” CON ALBERTO TOSCANO

CHAMBERY\ aise\ - Una manifestazione ormai ventennale del Comune di Chambéry è il “Marché des Continents” (Mercato dei Continenti) che ogni anno riunisce in un clima festivo e conviviale studenti e abitanti di Chambéry provenienti veramente dai vari Continenti.
Il Comites di Chambéry ha voluto partecipare quest'anno alla manifestazione con una conferenza e con la presentazione del libro di Alberto Toscano su “Gli italiani che hanno fatto la Francia”. La conferenza è stata uno dei punti forti della manifestazione.
Il libro è stato pubblicato dapprima in versione francese col titolo “Ti amo Francia. De Léonard de Vinci à Pierre Cardin, ces Italiens qui ont fait la France” e in seguito in italiano presso Baldini & Castoldi col titolo appunto “Gli italiani che hanno fatto la Francia”.
La conferenza, organizzata dunque dal Comites di Chambéry in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Lione, ha ottenuto un vero successo di pubblico, malgrado il periodo poco propizio per manifestazioni pubbliche.
Il successo è dovuto anche alle associazioni italiane di Chambéry, autentico fiore all'occhiello della Savoia, che hanno preso a cuore l'iniziativa partecipando con numerosissimi loro membri: la Società Dante Alighieri, l’Ente Gestore API (Associazione per la Promozione dell’Italiano), l’associazione dei “Piemontesi in Savoia” e l’associazione di gemellaggio “Chambéry-Turin”.
Nel corso della conferenza, come pure del suo libro, Alberto Toscano ha percorso i secoli partendo da Caterina de’ Medici e poi via via con Leonardo da Vinci, la commedia dell’arte di Goldoni, i musicisti Cherubini, Paisiello, Rossini e tanti altri e poi Garibaldi, Zola, il colonizzatore “umano” Brazza e, nel secolo ventesimo, gli italiani attivi nella resistenza francese come Silvio Trentin e tanti altri. E poi, su un registro più leggero, fino ai giorni nostri, Dalida, il cinema con Ivo Livi (Yves Montand), Serge Reggiani, Lino Ventura, il comico Coluche (Colucci). E poi Modigliani e gli architetti Renzo Piano, Gae Aulenti e lo stilista Pierre Cardin e addirittura il calciatore Platini…
La lista degli italiani “che hanno fatto la Francia” è ancora lunga…
“Come presidente del Comites non posso non pensare, insieme con gli italiani che vivono e lavorano oggi in Francia, che anche noi abbiamo continuato e continuiamo a fare e a costruire, talora col nostro sudore, questo Paese”, osserva il presidente del Comites di Chambery, Graziano Del Treppo, che si unisce ad Alberto Toscano, “malgrado tutte le difficoltà che abbiamo incontrato nel passato e che forse incontriamo ancora”, nel dire “Ti amo, Francia”! Certo”, aggiunge Del Treppo, “nel nostro cuore siamo sempre italiani, come lo sono anche coloro che per vari motivi hanno acquisito la cittadinanza francese, ed amiamo soprattutto e profondamente la nostra Italia, ma non possiamo non pensare che ci sentiamo a casa nostra anche qui, grazie alla nostra cara, talora incompresa, Europa”.
Nativo di Novara, Alberto Toscano è corrispondente della stampa italiana a Parigi dal 1986. è stato presidente della Stampa estera a Parigi ed è uno dei giornalisti italiani più presenti sulle radio e televisioni francesi. Dal 1999 anima il Club de la Presse Européenne.(aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi