Cinema: Italia e Canada partner dai mille progetti

TORONTO\ aise\ - Le collaborazioni nel settore del cinema esistono da moltissimo tempo, ma è negli ultimi anni che l’internazionalizzazione dei mercati ha imposto la necessità di intensificare i contatti tra produttori di diversi paesi e di cercare di realizzare progetti, mettendo insieme creatività e capacità produttive. Le coproduzioni non sono infatti solo fatte di finanziamenti provenienti da due o più paesi, bensì incontri di culture e di idee, prima di ogni altra cosa.
È in questo spirito e con questa visione che l’Italian Contemporary Film Festival, presentato da Lavazza, lancia l’edizione 2021 degli Industry Days, che si terranno dal 30 novembre al 1° dicembre, presso i prestigiosi Pinewood Studios di Toronto.
Grazie anche alla collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura, e della SIRT, il centro produttivo affiliato allo Sheridan College, l’ICFF prosegue nella scia del suo decennale impegno nella promozione delle co-produzioni e delle collaborazioni tra Italia e Canada nel campo del cinema e dell’audiovisivo.
Tra i relatori della sezione dedicata a questa sempre più importante sfida, ci saranno Telefilm Canada e Ontario Creates, i due più importanti enti di supporto e promozione del cinema e dell’audiovisivo in Canada, che si confronteranno con la controparte italiana, il Ministero della Cultura. Insieme a loro, i partecipanti avranno l’irripetibile occasione di ascoltare le testimonianze di Enrico Ballarin, il produttore di Cyrano, e di Andrea Biscaro e Robert MacLean, produttori di Across the River and Into the Trees, tra i blockbuster più attesi della prossima stagione e girati rispettivamente in Sicilia e a Venezia.
Anche per quest’anno la sede della manifestazione sono gli studi cinematografici Pinewood, dove gli organizzatori e i principali speaker interverranno di persona a dibattiti, forum e seminari. Alla conferenza sarà possibile partecipare anche online.
L’idea che sta alla base dell’evento, spiegano gli organizzatori, è quella di creare un luogo, sia fisico che virtuale, dove produttori di calibro internazionale possano incontrarsi e collaborare, offrendo allo stesso tempo informazioni utili sulla logistica ed i fondi disponibili per la realizzazione di coproduzioni, e ogni sostegno tecnico necessario perché queste collaborazioni si finalizzino con la creazione di progetti, sceneggiature, che diventino poi film e serie televisive. Tutti gli addetti ai lavori, inoltre, potranno mettersi in contatto l’uno con l’altro in stanze virtuali separate, create appositamente per il networking.
Oltre alle co-produzioni tra Italia e Canada, ICFF Industry Days 2021 si concerterà su altri tre argomenti chiave: il futuro delle proiezioni pubbliche, l’animazione internazionale e le produzioni virtuali. Ospiti speciali saranno Iginio Straffi, CEO e Presidente di Rainbow, la casa produttrice del successo mondiale “Winx”; Andrea Iervolino CEO e fondatore di Iervolino Entertainment, che presenterà la nuova serie “Puffins” con la partecipazione di Johnny Depp; Derreck de Kerckhove, esperto massmediologo e successore di Marshall McLuhan; Vincenzo Guzzo, uno dei più importanti esercenti canadesi; e molti altri.
ICFF Industry Days è un’iniziativa promossa dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, co-presentata con l’Istituto Italiano di Cultura, il SIRT Sheridan, Take 5 Productions, ETV Films, e Pinewood Toronto Studios, ed in collaborazione con ANICA e Agenzia ICE.
ICFF Industry Day è organizzato da un comitato composto da Cristiano de Florentiis, Direttore Artistico of ICFF; David Dexter, Direttore di SIRT Sheridan; Nick Iannelli, Vice Presidente di Take 5 Productions; Sari Ruda, Coordinatrice di Industry Day Coordinator; Mara Cataldi, Direttrice delle Operazioni di ICFF e Diane Cappelletto, Direttrice dei Servizi Tecnici di Produzione presso il TIFF, ed è presentato grazie alla partnership con la Città di Toronto, Telefilm Canada, Ontario Creates, Blackmagic, APG Media e AMD.
Il programma completo è disponibile qui. Per partecipare online ai lavori del 30 novembre occorre registrarsi qui  mentre per quelli dell’1 dicembre qui. (aise)