“Ripartiamo insieme”: a Bruxelles l’orgoglio italiano in tavola con Ambasciata e Cna

BRUXELLES\ aise\ - Una ricca tavola tricolore. Imbandita a Bruxelles dall’Associazione cuochi italiani in Belgio con l’alto patrocinio dell’ambasciata d’Italia e la collaborazione, tra gli altri, dell’ufficio di CNA Bruxelles. E che si terrà domenica 10 e lunedì 11 ottobre nella capitale delle istituzioni europee in occasione della Festa nazionale del cuoco per “valorizzare la tradizione culinaria dell’Italia come parte integrate della cultura del Paese e come segno distintivo del vivere all’italiana” promuovendo “la qualità dei prodotti agroalimentari italiani e diffondere i valori della sostenibilità ambientale, della lotta agli sprechi alimentari e del rispetto per il cibo”.
Ripartiamo insieme”, questo il titolo dell’evento, si propone primariamente di promuovere i prodotti agroalimentari artigianali e il “saper fare” tricolore in senso lato ma nel contempo vuole lanciare un chiaro messaggio alla Commissione europea: le micro imprese della filiera agroalimentare italiana meritano più tutela. Di conseguenza, le strategie continentali del settore – è il caso di “Farm to fork” – non vanno tarate solo sul comparto primario. Una maggiore attenzione, infatti, va posta anche a rischi economici, sociali e talvolta sanitari derivati da fenomeni come il cosiddetto “Italian sounding” che senza costituire un autentico illecito, quale la contraffazione, provoca gravissimi danni al nostro Paese.
La giornata di domenica 10 – dopo i saluti istituzionali – vedrà il succedersi di numerosi approfondimenti (tra i quali la presentazione del progetto “True Italian Taste” per combattere la contraffazione dei nostri prodotti eno-gastronomici di punta) e l’apertura di stand dove saranno presentati e degustati alimenti certificati offerti da piccole imprese italiane aderenti a CNA Agroalimentare. Stessa falsariga verrà seguita anche nella giornata di lunedì 11 che avrà il suo clou nello “Show Cooking” delle ore 12 al quale interverranno alcuni dei più famosi cuochi italiani in Belgio che potranno lavorare a loro volta prodotti e specialità italiani offerti da piccole imprese tricolori. (aise)