UN PONTE TRA PUGLIA, FRANCIA E TOSCANA PER POTENZIARE LE CONOSCENZE VINICOLE

UN PONTE TRA PUGLIA, FRANCIA E TOSCANA PER POTENZIARE LE CONOSCENZE VINICOLE

TARANTO\ aise\ - Settembre, tempo di vendemmia e di buone notizie per le imprese agricole. Saranno in ventisei, infatti, gli imprenditori agricoli che potranno prendere parte al progetto di scambi con altre realtà toscane e francesi. Il progetto, voluto da G.A.L. (Gruppo di Azione Locale) - Terre del Primitivo, e finanziato dalla Regione Puglia all’interno del piano di sviluppo rurale, ha come finalità principale quello di stimolare conoscenze e relazioni, potenziando le competenze dei soggetti coinvolti.
Un risultato importante quello ottenuto dal Gal, una società consortile costituita da undici comuni pugliesi, che - con il suo staff di progettisti - ha lavorato per raggiungere un altro traguardo e offrire questa nuova opportunità al territorio. In questo modo, si potranno scambiare tecniche, procedure innovative, progetti nel campo della sostenibilità o del minore impatto ambientale. Si tratta di un’occasione per toccare con mano il lavoro e l’organizzazione in altre regioni e all’estero, creando un collegamento tra Puglia, Toscana e Francia. Non si tratta specificatamente di cantine: l’iniziativa è rivolta, più in generale, agli imprenditori agricoli. Nel corso delle visite, sono previste dimostrazioni che daranno loro la possibilità di apprendere le buone pratiche e le tecnologie innovative. “Il valore aggiunto di questo finanziamento - commenta il Gal - è mettere in contatto i nostri operatori con chi rappresenta un riferimento per la tutela dell’ambiente, la biodiversità o l’uso sostenibile delle risorse idriche. Inoltre l’iniziativa rientra in un’ottica di formazione continua, con uno sguardo anche ai giovani che realizzino processi di miglioramento a carattere innovativo”.
Parola d’ordine: confronto. Già pubblicata la graduatoria dei beneficiari che, a breve, partiranno per le due trasferte. La notizia arriva proprio in un periodo simbolico per il mondo vitivinicolo: al fermento di questi giorni per l’annata vendemmiale, si aggiunge questa novità che interesserà i produttori locali. (aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli