“GIOVANI SCIENZIATI 2021: LO SGUARDO VERSO IL FUTURO”: DALLA FAST IL BANDO 2021 DEL CONCORSO EUROPEO “I GIOVANI E LE SCIENZE”

“GIOVANI SCIENZIATI 2021: LO SGUARDO VERSO IL FUTURO”: DALLA FAST IL BANDO 2021 DEL CONCORSO EUROPEO “I GIOVANI E LE SCIENZE”

MILANO\ aise\ - La FAST - Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche non si ferma: continua anche nel 2021 la ricerca e la valorizzazione degli studenti eccellenti delle scuole superiori con la 33a edizione del concorso europeo per i giovani scienziati.
La federazione ha pubblicato in questi giorni il bando 2021 del Concorso europeo “I giovani e le scienze” dal tema “Giovani scienziati 2021: lo sguardo verso il futuro”.
Possono partecipare singolarmente o in gruppo fino a tre le ragazze e i ragazzi tra i 14 e i 20 anni. Devono presentare studi, ricerche, contributi innovativi in qualsiasi settore della scienza e della ricerca o approfondirne le applicazioni. Tutte le proposte ricevute dalla FAST entro il 22 gennaio 2021 saranno valutate da almeno quattro componenti della qualificata giuria composta da più di 40 esperti.
Solo 30 lavori verranno ammessi all’esposizione e alla premiazione in programma a Milano dal 6 all’8 marzo 2021.
L’impegno degli studenti meritevoli viene compensato con premi in denaro sino a 7mila euro nella finale europea e riconoscimenti disponibili a livello mondiale.
Infatti, i vincitori della selezione italiana rappresentano il nostro paese a “EUCYS-European Union Contest for Young Scientists” di Salamanca in Spagna. Ma non solo. Tra gli eventi più attrattivi in cui partecipanti dai cinque continenti si sfidano all’ultima innovazione figurano Regeneron ISEF e GENIUS Olympiad negli Stati Uniti, CASTIC in Cina, LIYSF a Londra, IEYI in Russia, BUCA IMSEF e INSPO in Turchia, ESI in Messico, MOSTRATEC in Brasile, TISF a Taipei; ma pure in Belgio, Tunisia, Spagna. Vengono anche assegnati dei “certificati di merito” di prestigiose associazioni tecnico scientifiche europee ed internazionali.
L’iniziativa si conferma la più prestigiosa a livello europeo: è voluta dalle istituzioni comunitarie (Commissione, Parlamento, Consiglio) e condivisa dai governi degli Stati membri.
In Italia è inserita nel programma “Io merito” per la valorizzazione delle eccellenze del Ministero dell’Istruzione. Il concorso è una grande opportunità destinata a far dimenticare l’esperienza di quest’anno fortemente condizionata dal COVID-19.
“Comunque, vedendo il bicchiere mezzo pieno, non è del tutto da dimenticare la 32a edizione dell’iniziativa” commenta Alberto Pieri segretario generale FAST e responsabile della selezione italiana. “La cancellazione dei molti concorsi all’estero dove erano destinati gli studenti eccellenti non impedisce a quasi il 70% di loro di beneficiare dei riconoscimenti posticipati al 2021”. Altri neoLeonardo possono ancora competere in streaming; c’è pure la speranza che gli ultimi premi dell’inizio del nuovo anno possano essere goduti; sono le rassegne scientifiche di Taiwan, Tunisia, Belgio e Spagna. Insomma, nessuno viene penalizzato.
“Come FAST abbiamo ancora fatto di più”, sottolinea il neopresidente Roberto Buccianti, “Pensando all’avvenire dei selezionati, abbiamo dato l’opportunità di seguire il corso specialistico su LinkedIn, per spiegare come redigere il curriculum e come valorizzare le professionalità scientifiche e tecniche. Anche gli aspiranti neoArchimede devono sapersi proporre al meglio per costruire un futuro di successo”.
Il bando della selezione italiana de “I giovani e le scienze” è scaricabile dal sito www.fast.mi.it. (aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli