IL LEGAME TRA DANTE E PRIMO LEVI IN UNA CONFERENZA A SAN PAOLO IN BRASILE

IL LEGAME TRA DANTE E PRIMO LEVI IN UNA CONFERENZA A SAN PAOLO IN BRASILE

SAN PAOLO\ aise\ - Nel centenario della nascita, la comunità italiana a San Paolo del Brasile rende omaggio a Primo Levi. "Un ricordo di Primo Levi a 100 anni dalla nascita: Dante e il "diritto alla letteratura" in Se questo è un uomo" è il titolo della conferenza che Maria Cecilia Casini dell’USP terrà domani, mercoledì 21 agosto, nella Sala delle Colonne al primo piano del Circolo Italiano di San Paolo.
La conferenza, che avrà inizio alle ore 19.00, sarà introdotta dal direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di San Paolo, Michele Gialdroni.
In "Se questo è un uomo" Primo Levi sottolinea il rilievo di Dante nello sviluppo della sua vocazione letteraria, alla luce dell’esperienza di Auschwitz e come forma per ricordare la persecuzione del popolo ebraico.
Dante Alighieri occupa un posto centrale negli studi dell’Italianistica brasiliana, sia per il valore dell’opera sia per la sua importanza nella formazione di altri autori moderni e contemporanei.
In Levi, si constata facilmente come la fiducia nell’azione umanizzante della letteratura, anche nelle condizioni più avverse, rimane lo stimolo più forte nella capacità d’interpretazione del mondo e di resistenza critica alla reificazione dell’essere umano.
In questo senso, il dialogo fra Primo Levi e Dante si avvicina alle riflessioni di Antonio Candido, nel classico saggio "O direito à literatura". Riaffermare il valore umanistico della letteratura, nell’anno in cui si ricorda il centenario della nascita di Primo Levi (1919), in attesa di celebrare i 700 anni della morte di Dante (1321), alla luce della parola di Candido, è particolarmente utile per ribadire i forti vincoli culturali fra il Brasile e l’Italia e per mantenere viva la continuità di questa tradizione.
La conferenza è promossa dalla FAPIB (Federazione delle Associazioni Piemontesi nel Mondo in Brasile) in collaborazione col Circolo Italiano di San Paolo e con l'appoggio dell'Istituto Italiano di Cultura. (aise)


Newsletter
Archivi