A Berlino la “Biblioterapia in italiano” con “Le balene possono volare

BERLINO\ aise\ - Le Balene Possono Volare, progetto di laboratori creativi attivo a Berlino dal 2013, organizza un Gruppo di lettura terapeutica in italiano coordinato da Elisabetta Abbondanza. Il primo appuntamento si terrà il 27 ottobre alle 18.30 all’Oblomov Kreuzkoelln (Lenaustrasse 7, 12047 Berlino) dalle 18.30.
“La buona letteratura ci forma perché narrando storie, attirando l’attenzione e ispirando (o imbrigliando) la fantasia in fuga dal reale, si provoca la mente e allo stesso tempo si impara a riflettere su noi stessi il mondo e molto altro ancora. Nel gruppo di Biblioterapia e di lettura come cura di sé condotto da Elisabetta Abbondanza, si lavorerà su testi letterari (racconti, romanzi brevi, saggi, poesie) che saranno scelti in parte dalla moderatrice e in parte dai partecipanti”, spiega l’associazione. “Leggendo, interpretando e approfondendo gli aspetti che un testo letterario offre, instauriamo un contatto con noi stessi, i nostri sentimenti e le nostre domande più importanti. Nel testo troviamo dopotutto - anche se non sempre identiche alle nostre - le ricerche, paure, ansie, ferite e passioni della narratrice o del narratore e dei loro alter ego/personaggi. Ne nasce un’alleanza, un rapporto di amicizia con il libro e con chi lo ha scritto, che sempre ci porta a una maggiore conoscenza di noi stessi e dei nostri sentimenti”.
Per partecipare al laboratorio occorre essere completamente vaccinati. Ci si iscrive a LAB.LEBALENE@GMAIL.COM. La quota d'iscrizione è di 150 euro per 8 incontri. Il primo incontro – quello del 27 ottobre – è di prova e quindi gratuito.
Il gruppo sarà aperto il 27 ottobre 2021 e chiuso il 19 gennaio 2022. Gli incontri si svolgeranno dalle 18.30 alle 20.00 sempre all’Oblomov Kreuzkoelln.
Dopo il primo incontro, nel quale Elisabetta Abbondanza, in veste di moderatrice, proporrà al gruppo dei testi da leggere e interpretare, sarà la volta dei partecipanti scegliere, a turno, un testo per l’appuntamento che seguirà (si partirà con un numero di pagine adeguato alla lettura di tutti).
“Grazie agli strumenti che Elisabetta Abbondanza fornirà, durante il laboratorio si discuterà e si condivideranno i pensieri e le domande di ognuno al fine di capire la portata del testo a livello individuale e di gruppo”, spiega l’associazione. “Critiche e punti interrogativi saranno benvenuti: se un testo non piace, sarà interessante capire perché. In particolare ci si domanderà come libri e testi letterari provochino il pensiero e una certa partecipazione emotiva, sostengano il percorso di ricerca oppure stimolino l’immaginazione e la riflessione, interessi presenti e futuri. Sarà un viaggio interessante e ricco di sorprese, nel quale il gruppo imparerà a conoscersi attraverso la realizzazione di diverse chiavi interpretative, scambiando opinioni in un ambiente protetto”.
Elisabetta Abbondanza è docente di scrittura e lettura creativa e terapeutica e poetessa, Heilpraktikerin für Psychotherapie. (aise)