A Ginevra nasce l’UNDIS: Unione Nazionale Decorati Italiani in Svizzera

GINEVRA\ aise\ - Tre Commendatori, tre Cavalieri e 2 Maestri del Lavoro hanno costituito l’UNDIS - l’Unione Nazionale Decorati Italiani in Svizzera. Lo hanno fatto lo scorso 19 ottobre a Ginevra i commendatori Carmelo Vaccaro, Claudio Bozzo e Francesco Saverio Nicoletti, i Cavalieri Mariano Franzin, Vincenzo Bartolomeo e Menotti Bacci e i maestri del lavoro Antonio Bello e Giuseppe Di Stefano.
Come si evidenzia all’Art. 1, l’UNDIS si propone a norma dell’articolo 60 e seguenti del codice civile svizzero e si costituisce come un’associazione riconosciuta nella forma di Associazione di Promozione Sociale, non a scopo di lucro. Un’organizzazione estranea a ogni attività politica, ed esclude qualunque tipo di discriminazione. I contenuti e la struttura sono democratici, basati su principi solidaristici, e consente l’effettiva partecipazione degli aderenti alla vita e all’attività del sodalizio.
L’UNDIS, da quanto spiegano nella nota che sancisce la loro costituzione, nasce dalla necessità di affermare, in Svizzera, i valori dei vari ordini cavallereschi presenti sul territorio italiano e così, si prefigge di riunire le persone insignite delle Onorificenze e i decorati della Repubblica Italiana. L'Associazione di decorati, si ispira soprattutto agli ideali della Costituzione della Repubblica Italiana, ai principi della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e ai principi del Libero Associazionismo.
Inoltre si prefigge di promuove le diverse forme di auto-organizzazione dei cittadini quali manifestazioni fondamentali di partecipazione democratica, nonché una risposta attiva della società civile ai bisogni delle comunità e si ispira ai principi della non violenza e di operare per la pace fra gli individui e i popoli, e si oppone a ogni forma di sfruttamento, ingiustizia, discriminazione, emarginazione.
Sono altresì previste sezioni cantonali qualora riempissero i presupposti statutari. Con l’augurio di annoverare quanti più insigniti sul territorio elvetico, questa realtà associativa si propone di contribuire attivamente a mantenere vivi i valori italiani tra le collettività italiane e autorità locali e in Svizzera. (aise)