“Lo spreco in dettaglio”: il nuovo programma di Radio Abm

BELLUNO\ aise\ - Il palinsesto di Radio ABM, la webradio dell’Associazione bellunesi nel mondo, si amplia con un nuovo programma “Lo spreco in dettaglio”, a cura di Hamudi Salama Batah, giovane volontario spagnolo.
Hamudi – spiega l’associazione – partecipa al progetto di volontariato europeo "Keep calm and go volunteering" del programma Corpo Europeo di Solidarietà, promosso dall'associazione Comitato d'Intesa di Belluno e finanziato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani. Il progetto si concentra sulla tematica dello spreco alimentare e delle tematiche ad esse connesse.
La rubrica di Hamudi sarà in spagnolo, come madrelingua, e parlerà un po' di tutto quello che è connesso allo spreco alimentare.
Andrà in onda a partire da domani, mercoledì 28 ottobre, con inizio alle ore 21.30 (ora locale italiana) cadenza mensile (l’ultimo mercoledì del mese).
Il programma si potrà ascoltare via streaming su www.bellunesinelmondo.it/radio-abm o scaricando l’App di Radio ABM direttamente dal proprio smartphone/tablet.
“Ho 24 anni, vengo da Granada (Spagna) e mi sono laureato in Scienze economiche dell'Università di Granada”, spiega Hamudi. “Mi piacciono le nuove esperienze, e questo progetto mi porterà nuove competenze, conoscenze ed esperienze che saranno molto importanti a livello personale e formativo. In questo programma radiofonico avrò l'opportunità di informare sullo spreco alimentare attraverso una serie di puntate mensili, in questi episodi che riporterò sullo stato attuale dello spreco alimentare in tutti i sensi, come, ad esempio, il suo impatto negativo sulla società, l'impatto economico, l'impatto ambientale, le cause dello spreco alimentare, le soluzioni...ecc. In ogni episodio si parlerà di un argomento specifico in cui l'argomento verrà spiegato nel modo più dettagliato possibile. Durante questo programma, avrò l'opportunità di avere diversi collaboratori in diversi episodi che aiuteranno a capire meglio la situazione dello spreco di cibo, e quindi raggiungere un'effettiva consapevolezza per porre fine a questo terribile problema”. (aise)