Protocollo aggiuntivo tra l’Unione degli Italiani e la Comunità degli italiani in Serbia

TRIESTE\ aise\ - Alla vigilia della conferenza internazionale sul Trattato di Rapallo, svolta sabato scorso 14 maggio a Belgrado, i presidenti della Comunità degli Italiani di Serbia Dejan Dučić e dell’Unione degli Istriani Massimiliano Lacota hanno firmato l’Atto aggiuntivo al Protocollo d’Intenti tra le due istituzioni.
Si tratta, spiega l’UI, di un documento importante che sancisce una cooperazione a 360 gradi nel campo culturale e della memoria storica italiana tra i soggetti partecipanti, quale ampliamento del Protocollo d’Intenti firmato a Trieste e ratificato, successivamente, a Cattaro nell’aprile scorso tra il Presidente Lacota e il Presidente della Comunità degli Italiani del Montenegro Aleksandar Dender.
Nel corso della cerimonia c’è stato anche uno scambio delle targhe istituzionali e dei crest ufficiali tra l’Università Popolare di Trieste, rappresentata dal Vicepresidente Rovis, che ha portato i saluti del Presidente Emilio Fatovic, e dal Segretario Generale Somma, l’Unione degli Istriani e le Comunità di Serbia e Montenegro. Tra i presenti anche Roberto Menia, Segretario generale del Comitato tricolore per gli Italiani nel mondo. (aise)