Su Rai Italia la nuova puntata di “Cristianità”

ROMA\ aise\ - La prima festa dei nonni istituita da Papa Francesco per ricordare e celebrare il dono della vecchiaia e di coloro che prima di noi e per noi custodiscono e tramandano la vita e la fede. E ancora: la festa dell'apostolo Giacomo patrono della Spagna che quest'anno celebra l'anno santo, più precisamente l'anno jacobeo. Questi gli argomenti portanti di “Cristianità”, il programma televisivo di Rai Italia realizzato e condotto da suor Myriam Castelli in onda domani, domenica 25 luglio, in diretta dagli studi Rai di Saxa Rubra, dalle ore 9,15, ora italiana.
Si comincia con i pronunciamenti del Papa sul valore dei nonni, tesori viventi di solide tradizioni e maestri di vita vissuta. “Ai nonni che hanno ricevuto la benedizione di vedere i figli dei figli – ricorda Francesco – è affidato un compito grande, trasmettere l’esperienza della vita, la storia di una famiglia, di una comunità, di un popolo; condividere con semplicità una saggezza, e la stessa fede” è questa l’eredità più preziosa degli anziani, memoria del popolo e della Chiesa. Si continua poi con la preghiera per i nonni scritta da Papa Francesco in occasione dell'istituzione dell'odierna giornata che cade nella quarta domenica di luglio in prossimità della festa dei santi Gioacchino e Anna, i nonni di Gesù.
Al centro la Santa Messa presieduta da Papa Francesco nella Basilica Vaticana.
Ospite in studio Monsignor Josè Manuel Del Rio Carrasco, membro della Congregazione per il culto divino, con il quale si spiega chi era l'Apostolo Santiago e come è giunto in Spagna. Parla dell'anno santo jacobeo che eccezionalmente durerà due anni per volontà del Pontefice per permettere di lucrare l'indulgenza nonostante la pandemia limiti i pellegrinaggi. Dopo la Messa, Monsignor Del Rio racconta la storia centenaria dello storico “camino de Santiago”, il pellegrinaggio simbolo della vita che giovani e adulti fanno a piedi percorrendo le vie che giungono da Francia e Portogallo e arrivano in Galizia fino alla grande Basilica dedicata all'Apostolo Santiago il maggiore. Mons. Del Rio parla delle locande lungo la via dei pellegrini, dell'abbigliamento dei pellegrini e del botafumeiro, il grande incensiere della Basilica, punto d'arrivo dopo il faticoso cammino.
Ospite eccezionale è Martin Brook, Console Generale d'Italia della città di Rosario, la città più grande e popolosa della provincia di Santa Fe con un'ampia presenza di comunità di italiani emigrati in Argentina. Il Console racconta la sua esperienza come rappresentante dello Stato italiano nella città che vanta il porto fluviale più importante d'Argentina e nella circoscrizione. Tra gli argomenti anche la festa degli italiani di Rosario per la vittoria del campionato europeo e la situazione pandemica che ha segnato i rapporti e la vita degli italiani di Rosario e dell'Argentina.
Il tempo di vacanze nell'emisfero Nord del mondo e il lungo pellegrinaggio di Santiago ci riportano alle vacanze dei Papi e in particolare ai Pontefici in movimento al tempo delle carrozze. A seguire il calendario dei prossimi viaggi di Papa Francesco che iniziano con il 33esimo viaggio apostolico che inizia in Ungheria, a Budapest, per chiudere il Congresso Eucaristico internazionale e prosegue per tre giorni in Slovacchia.
Tra gli ospiti il responsabile delle composizioni floreale dell'Olanda, Charles Landorp e Cosimo Pagano del comitato festa dei nonni, che raccontano come è nata la Giornata mondiale dell'anziano, come viene celebrata dal Papa e come sarà allietata da un mare di fiori che verranno consegnati agli anziani per esprimere tutto l'affetto e l'amore che si meritano. Un gesto significativo che stimola i nonni all'incontro dopo la chiusura e la lontananza imposta dai pericoli del covid 19.
Non manca la riflessione di Monsignor Vincenzo Paglia e, a mezzogiorno, sempre in diretta, la preghiera dell'Angelus di Papa Francesco.
Poi si fa tappa a Magenta, nel milanese, dove Valter Bassani, autore e compositore, ha composto un bel canto per i nonni e insegna ai bambini che studiano musica il rispetto e l'amore per i tutti i nonni, veri angeli custodi dei piccoli. (aise)