INAUGURATA A KHARTOUM LA SCUOLA FEMMINILE PRIMARIA DI AL YARMOUK A MAYO FINANZIATA DALL’ITALIA

INAUGURATA A KHARTOUM LA SCUOLA FEMMINILE PRIMARIA DI AL YARMOUK A MAYO FINANZIATA DALL’ITALIA

KHARTOUM\ aise\ - In occasione della visita del vice ministro agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, in Sudan si è svolta la cerimonia di inaugurazione della scuola femminile di Al Yarmouk a Mayo, quartiere tra i più poveri della periferia Sud di Khartoum. Erano presenti il governatore di Khartoum Wali Ahmed Abdwn e il commissario per il Disarmo, Smobilitazione e Reinserimento (DDR) degli ex combattenti. Alla cerimonia hanno partecipato inoltre l’ambasciatore italiano a Khartoum Gianluigi Vassallo, il rappresentante Paese di UNDP Sudan Selva Ramachandran e il titolare della Sede AICS Khartoum Vincenzo Racalbuto.
La riabilitazione della scuola si inserisce all’interno del Programma onusiano finanziato nel 2018 dal governo italiano "Community Security and Stabilization Programme" (C2SP) il cui obiettivo è favorire i processi di stabilizzazione e coesione sociale nelle aree periferiche di Khartoum e del Blue Nile grazie a un forte coinvolgimento delle comunità locali, prevenendo l’insorgenza di conflitti ed estremizzazioni tra comunità ospitanti e sfollati interni e rifugiati.
L’iniziativa ha permesso la costruzione di otto nuove classi, in aggiunta alle 13 già esistenti dell’unica scuola del quartiere di Al Yarmouk che ospita circa 1.800 studentesse.
"L’Italia è impegnata nella promozione dell'istruzione, in quanto miglior investimento per garantire un futuro migliore ai nostri figli e contrastare la radicalizzazione e i conflitti violenti", ha affermato il viceministro Del Re.
In conclusione, il vice ministro ha voluto ricordare Paolo Dieci, presidente della Rete delle OSC Link 2007 e presidente dell’OSC CISP, a cui la scuola è dedicata, quale esempio di dedizione umiltà, e umanità.
Il rappresentante Paese di UNDP in Sudan ha sottolineato come il Programma C2SP abbia investito nella creazione del Comitato di Gestione della Comunità per la realizzazione di corsi di formazioni per le fasce più vulnerabili della comunità in gestione e monitoraggio, avvio al lavoro, alfabetizzazione al fine di migliorare le competenze delle donne e dei giovani coinvolti nei processi di coesistenza pacifica e la risoluzione pacifica dei conflitti.
Il governatore di Khartoum ha ringraziato l’Italia e UNDP per l’impegno a Mayo e ha evidenziato come sia dovere comune assicurare un’istruzione inclusiva, equa e di qualità e garantire opportunità di apprendimento permanente a tutti in linea con l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 4.
Al termine della cerimonia, si è svolta la firma l’Accordo Tecnico con UNDP dell’ultimo progetto approvato del valore di 1.3 M Euro finanziato dall’Italia che mira a costruire le basi per ulteriori interventi inclusivi che contribuiscano a raggiungere una pace duratura e ad una stabilità sociale nel Darfur del Sud. (aise)


Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli