L’AICS E IL FONDO DI SVILUPPO AGRARIO DEL MOZAMBICO A SOSTEGNO DELLO SVILUPPO LOCALE NEL CUORE DEL PAESE

L’Aics e il Fondo di Sviluppo Agrario del Mozambico a sostegno dello sviluppo locale nel cuore del Paese

MAPUTO\ aise\ - L’11 febbraio scorso, una delegazione dell’AICS di Maputo ha partecipato insieme al Segretario di Stato della Provincia di Manica, Edson Macuácua, alla cerimonia di consegna di veicoli per i servizi distrettuali di Macate e Vanduzi, che permetteranno alle autorità locali di rispondere alle esigenze della popolazione migliorando la governance del territorio.
I veicoli sono stati acquisiti attraverso il Programma di Sostegno allo Sviluppo Rurale, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo e realizzato attraverso il Fondo di Sviluppo Agrario del Ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale del Mozambico. Durante la cerimonia, il Segretario ha riconosciuto pubblicamente l’impegno italiano passato e quello che verrà a favore della pace e della decentralizzazione, sottolineando il ruolo storico dell’Italia come partner strategico del Mozambico.
Manica ha 1,9 milioni di abitanti e un’estensione di 61.661 km2.
Si tratta – spiega l’Aics – di una delle 11 Province del Mozambico: la sua altitudine, i suoi promontori verdi e i fiumi che la attraversano la rendono una regione pressoché unica nel Paese, con un enorme potenziale dal punto di vista agro-ecologico. Il clima e la conformazione del suolo favoriscono la produzione agroalimentare e forestale, ed è ricca di risorse minerarie; spesso però i piccoli agricoltori hanno difficoltà ad accedere al mercato per barriere finanziarie o infrastrutturali, e la loro produttività rimane limitata.
A Manica la Cooperazione Italiana interviene a fianco delle autorità sin dai tempi della firma dell’Accordo di Pace (1992) che ha posto fine alla guerra civile, per promuovere lo sviluppo locale a sostegno del processo di pacificazione. Il Programma di Sostegno allo Sviluppo Rurale, attualmente in corso, sostiene il piano di sviluppo della provincia per promuovere l’integrazione dei piccoli agricoltori e di piccole e medie imprese nelle catene del valore, anche attraverso il supporto ai servizi distrettuali. (aise) 

Newsletter
Archivi