"Acolhidos por meio do Trabalho": la mostra dell’Asvi sui rifugiati venezuelani in Brasile

BRASILIA\ aise\ - C’era anche l’Ambasciatore italiano a Brasilia Francesco Azzarello alla inaugurazione della mostra fotografica “Acolhidos: o percurso da Venezuela à integração no Brasil” allestita presso il Centro Culturale Banco del Brasile a Brasilia, dove rimarrà aperta al pubblico fino al 31 di ottobre.
La mostra raccoglie un’emozionante testimonianza del percorso di integrazione dei migranti e rifugiati venezuelani in Brasile attraverso le immagini scattate dal fotografo italiano Antonello Veneri.
L’esposizione fa parte del progetto "Acolhidos por meio do Trabalho", realizzato da AVSI Brasile (diretta da Fabrizio Pellicelli) e dall'Istituto per le Migrazioni e Diritti Umani - IMDH (diretto da Suor Rosita Milesi), con la partecipazione di Fondazione AVSI e AVSI USA, finanziata dal Governo USA nel quadro dell'Operazione “Acolhida” del Governo brasiliano e del partenariato con ACNUR Brasile.
L’iniziativa sostiene il processo di cosiddetta "interiorizzazione" dei migranti e rifugiati venezuelani dai centri di prima accoglienza in Roraima verso altre destinazioni in tutto il Paese, favorendo l'inclusione socio-economica e l'inserimento nel mercato del lavoro formale tramite uno stretto partenariato con il settore privato.
L’Ambasciatore Azzarello, presente all’inaugurazione, ha espresso “grande apprezzamento e soddisfazione per l’operato di AVSI, che opera in tutto il Brasile, ove vanta una presenza trentennale in progetti di emergenza e sviluppo”, e sottolineato la duplice valenza della mostra, umanitaria e culturale.
La mostra, ha voluto sottolineare il Presidente e Direttore di AVSI Brasile, Fabrizio Pellicelli, “mette in luce la bellezza umana dei volti di chi inizia un cammino in direzione di un nuovo protagonismo nella propria vita, ma anche dei volti di coloro che sul campo, in prima linea, assistono ogni giorno i migranti ed i rifugiati, in questo percorso”. (aise)