IILA: il segretario generale Cavallari incontra il presidente della CAF Granados

ROMA\ aise\ - Il segretario generale dell’IILA, Antonella Cavallari, assistita dal direttore esecutivo, Gianandrea Rossi, ha ricevuto ieri, 18 maggio, presso la sede dell’Organizzazione, il presidente della CAF - Banco de desarrollo de América Latina, Sergio Diaz Granados, accompagnato dal vice presidente Cristian Asinelli e dal rappresentante per Europa Medio Oriente e Asia Ignacio Corlazzoli.
Obiettivo della riunione l’individuazione di possibili iniziative congiunte IILA - CAF in America Latina su temi centrali dell’agenda regionale, in particolare il sostegno alle PMI e alla transizione ecologica, ma anche il rafforzamento della coesione sociale. Molto interesse è stato espresso dal presidente Diaz Granado per il Foro IILA su Piccole e Medie Imprese e per il progetto Città Verdi, ai quali l’importante organismo finanziario regionale potrebbe collaborare con risorse in aggiunta a quelle già stanziate dalla cooperazione italiana, rendendo possibile una significativa estensione degli interventi.
Cavallari, ricordando che la collaborazione con CAF si inquadra nell’accordo di collaborazione rinnovato nel 2019 e tuttora vigente, al quale occorre dare un contenuto ancor più incisivo, ha evidenziato come “per IILA il Banco de desarrollo de América Latina rimane uno dei principali partner per poter realizzare attività in America Latina, mentre per CAF la collaborazione con IILA può significare rafforzare il legame con istituzioni e imprese in Italia ma anche con l’Europa, attraverso i programmi di cui IILA è esecutore”.
Successivamente, alla Casa del Cinema di Roma il presidente Granado e il segretario generale Cavallari, insieme ai rispettivi collaboratori, hanno assistito alla proiezione in anteprima del film prodotto dalla CAF “Un sonido original de América”, diretto da Ariel Broitman (Argentina) e Antony Nicolle (Francia). Numerosi ambasciatori tra il pubblico presente all’evento, organizzato in collaborazione con IILA, hanno potuto apprezzare il percorso artistico di Ricardo Massun, direttore musicale, liutaio e ricercatore esperto di musica barocca latinoamericana attraverso il suo viaggio nel cuore delle riduzioni gesuitiche dell'America Latina (in Argentina, Bolivia, Brasile e Paraguay) documentato nel film con originali testimonianze.
Un percorso inteso a dar voce ai suoni originari del Sud America, riscoprendo antiche tradizioni e influenze europee, gesuitiche in particolare, concluso con l’omaggio al Santo Padre di una fedelissima riproduzione di un violino usato all’epoca delle missioni. Alla proiezione ha fatto seguito un ricevimento che ha consentito ai partecipanti di stabilire nuovi e utili contatti. (aise)