ITALIA-SVIZZERA: CON SECONDO BANDO INTERREG SI FINANZIERANNO ANCORA PIÙ PROGETTI PER I TERRITORI DI CONFINE

ITALIA-SVIZZERA: CON SECONDO BANDO INTERREG SI FINANZIERANNO ANCORA PIÙ PROGETTI PER I TERRITORI DI CONFINE

MILANO\ aise\ - Una dotazione di 17,5 milioni di euro per la parte italiana e 9,9 milioni di franchi per quella svizzera, obiettivo: finanziare progetti di cooperazione transfrontaliera fra i due Paesi nei settori della mobilità integrata e sostenibile, dei servizi per l'integrazione delle comunità e del rafforzamento della governance transfrontaliera.
La mette a disposizione il secondo bando Interreg a valere sul programma 2014-2020, che sarà pubblicato il prossimo 26 giugno e si schiuderà il 31 ottobre ed è stato presentato oggi, a Palazzo Pirelli, durante il primo dei due Info Point previsti per informare e guidare gli addetti ai lavori alla costruzione e progettazione del nuovo avviso.
REGIONI INTERESSATE DAL PROGRAMMA INTERREG - Il programma Interreg Italia Svizzera 2014-2020 è un programma di cooperazione transfrontaliera e l'area interessata comprende quattro regioni italiane: Regione Autonoma Valle d'Aosta, Provincia autonoma di Bolzano, Regione Lombardia (Province di Como, Lecco, Sondrio e Varese), Regione Piemonte (Province di Novara, Vercelli, Biella e Verbano-Cusio-Ossola) e i tre Cantoni svizzeri Ticino, Grigioni e Vallese.
TIPOLOGIA E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI - Ogni singolo progetto presentato su un avviso pubblico del Programma Interreg deve avere necessariamente un capofila italiano e un capofila svizzero e un massimo di sei partner. Diversamente il progetto non viene preso in considerazione. Le proposte dovranno rispondere ad un bisogno comune del territorio italiano e svizzero, identificare output chiaramente quantificabili e proporre soluzioni che consentano di mantenere i risultati nel tempo.
METTERE A FATTOR COMUNE LE ESIGENZE DEI COMUNI DI CONFINE - "Utilizzando l'esperienza pregressa - ha commentato l'assessore alla Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni Massimo Sertori - cerchiamo di correggere le eventuali criticità emerse nel precedente bando, la cui programmazione ha avuto successo perché ha portato a mettere a fattor comune tutte le esigenze tra i nostri territori di confine e quelli elvetici. Auspico che per il secondo avviso si potranno finanziare sempre piu' progetti e di qualità".
"Si tratta - ha puntualizzato Sertori - di bandi europei, per i quali tutte le fasi formali e amministrative sono da seguire in modo puntuale, perciò la presentazione di oggi e quella che seguirà, il 24 giugno a Palazzo Lombardia, diventano importanti per apprendere tutte le indicazioni tecniche necessarie alla presentazione dei progetti, al fine di scongiurarne la non ammissione". (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi