L’IILA vola a Bruxelles per l’evento conclusivo della 3° fase di EUROsociAL+

BRUXELLES\ aise\ - Si è tenuto a Bruxelles l’evento conclusivo della terza fase di EUROsociAL+, programma europeo che dal 2005 contribuisce alla riduzione delle disuguaglianze, al miglioramento dei livelli di coesione sociale e all’attuazione di politiche pubbliche in America Latina e Caraibi e di cui l’Organizzazione Italo-Latino Americana - IILA è responsabile per l’area delle politiche sociali. Obiettivo dell’incontro finale è presentare i risultati raggiunti dal programma, condividere le best practices acquisite e promuovere il dialogo bi-regionale come chiave per rafforzare le politiche sociali più innovatrici per l’ALC.
La Segretaria Generale dell’IILA, Antonella Cavallari, è intervenuta alla sessione inaugurale dell’incontro finale insieme a Jolita Butkeviciene, Direttore per l’America Latina e Caraibi della Commissione Europea – INTPA, Anna Terrón, Direttore di FIIAPP e Rima Le Coguic, Vice Direttore di Expertise France. La Segretaria Generale Cavallari ha ricordato che l’IILA non è solo un esecutore di progetti e programmi di cooperazione ma una Organizzazione internazionale che dialoga costantemente con i governi dei propri stati membri e contribuisce al dialogo bi-regionale tra Europa e America Latina ed ha sottolineato che “soprattutto in questa ultima fase il programma si è consolidato, guadagnando nuovi riconoscimenti, confermandosi come un interlocutore affidabile nella regione, sempre al servizio delle priorità dei Paesi”.
In questi anni, l’area delle politiche sociali e del lavoro coordinata da IILA ha infatti conseguito molti obiettivi importanti, tra cui: il “Plan para la recuperación, la reconstrucción social y la resiliencia” in Centro-America e Repubblica Dominicana; il sostegno al processo costituente in Cile; la riduzione degli effetti della crisi sanitaria causata dalla pandemia in Perù; il consolidamento dei sistemi nazionali delle politiche di assistenza; il sostegno al processo di creazione dei Consigli Economici e Sociali e ai nuovi piani nazionali di impiego; l’ampliamento dei sistemi di certificazione delle competenze.
Come è stato ribadito dagli illustri ospiti nel corso della prima giornata, è ora tempo di confrontarsi sul futuro del programma e proseguire insieme per rafforzare e migliorare l’integrazione regionale e lo sviluppo sostenibile alla luce delle nuove e prioritarie sfide globali.
La seconda giornata di lavori, che si terrà nella giornata di oggi, sarà dedicata al tema “Nuovi contratti sociali per società più resilienti e inclusive in America Latina e Caraibi” e vedrà dialogare autorità e rappresentanti delle Istituzioni europee, degli Stati Membri UE, Paesi e organizzazioni di America Latina e Caraibi, società civile e settore privato. Questo 4° dialogo bi-regionale (i precedenti organizzati nel 2017, 2019 e 2021) avrà l’obiettivo di preparare una rinnovata cooperazione UE-ALC in materia di coesione sociale. (aise)