“RITMI D’AFRICA”: A NATALE E PER IL NUOVO ANNO MEDICI CON L’AFRICA CUAMM PROPONE 12 “VIAGGI SONORI”

“RITMI D’AFRICA”: A NATALE E PER IL NUOVO ANNO MEDICI CON L’AFRICA CUAMM PROPONE 12 “VIAGGI SONORI”

PADOVA\ aise\ - Nuovi ritmi e nuove storie per il 2021: Medici con l’Africa Cuamm propone un viaggio di dodici mesi alla scoperta delle sonorità africane, dalle tradizionali alle più recenti. Il nuovo calendario 2021 “Ritmi d’Africa – Viaggi Sonori” rende omaggio infatti alla musica africana, con dodici tavole firmate da Anna Formilan e con altrettante playlist tematiche curate dal dj Tommy Rough&Tough e disponibili a tutti su Spotify.
Una musica raccontata come linguaggio universale, festoso e caotico, quasi impossibile da incasellare per generi e epoche, a dimostrazione della sua estrema vitalità. Una musica, quella africana, che, attraverso gli schiavi deportati dall’Africa alle Americhe, ha influenzato la cultura popolare contemporanea, che a sua volta torna a mescolarsi con ritmi e tradizioni africani, in un continuo gioco di scambi, influenze e rimandi.
La musica africana è quella dei griot, poeti e cantori custodi della tradizione orale, ma è anche quella di Fela Kuti, rivoluzionario attivista per i diritti umani in Nigeria. Sono le nenie del Raï cantate del cheik (maestro) nel Maghreb e sono gli ensable jazz negli Stati Uniti dei primi del Novecento.
Musica da ascoltare e scoprire. Musica per conoscere, commuoversi, ma anche ballare e divertirsi. Medici con l’Africa Cuamm porta così il suo augurio per un 2021 gioioso e vitale: un messaggio di speranza, da godersi in casa durante le feste di Natale.
Per il Natale, ispirandosi sempre al tema del calendario 2021, Medici con l’Africa Cuamm propone anche tante altre idee per un regalo solidale: tutte le idee per un Natale con l’Africa sono disponibili online sul sito o all’infopoint di via San Francesco 101 a Padova. I fondi raccolti andranno a sostenere i progetti di Medici con l’Africa Cuamm in Africa e in particolare il programma “Prima le mamme e i bambini. 1.000 di questi giorni”, dedicato alla salute materno-infantile in Africa. (aise) 

Newsletter
Archivi