UN ALTRO PROGETTO IN FAVORE DELL'AFRICA SU INIZIATIVA DEL ROTARY

UN ALTRO PROGETTO IN FAVORE DELL

L'AQUILA\ aise\ - “Mediterraneo unito”: con questo slogan lo scorso novembre il Rotary Club L’Aquila aveva presentato al Seminario sulla Rotary Foundation del Distretto 2090 (Abruzzo-Molise-Marche-Umbria) il progetto “Acqua potabile a Maktar (Tunisia)”, lanciato dal club tunisino “La Marsa Plage” del Distretto Maghreb 9010 (Algeria, Marocco, Mauritania, Tunisia) nell’ambito di un gemellaggio siglato con il Club L’Aquila a metà ottobre, gemellaggio promosso e coordinato dal presidente del Comitato Inter Paese (CIP) Maghreb-Italia, Franco Santellocco Gargano.
Il Progetto GG2097045, che rientra nell’area di intervento Acqua e strutture igienico-sanitarie e che consiste nella fornitura di acqua potabile a circa 200 famiglie, per un totale di 1000 persone, in una località montuosa e molto svantaggiata della Delegazione di Makthar in Tunisia, nel Governatorato di Siliana, ha suscitato l’interesse, oltre che del Distretto Abruzzo-Marche-Molise-Umbria, di altri 4 Distretti Rotary italiani - Distretto Rotary 2080 (Lazio-Sardegna), Distretto 2110 (Sicilia-Malta), Distretto 2031 (Piemonte-Val d’Aosta), Distretto 2042 (Lombardia centrale e settentrionale) - e del Club turco Kocaeli Yahya Kaptan.
Il progetto, del valore di oltre 35.000 dollari, ha ora ricevuto l’approvazione della Rotary Foundation del Rotary International e, grazie anche a un accordo con il locale Ministero dell'Agricoltura, Risorse Idriche e Pesca, sta per diventare una realtà che farà la differenza per gli abitanti dei villaggi tunisini Oueled Hamouda, Scarna, Oueled Slema e Elmerthoum, privi fino ad ora di un bene così essenziale come l’acqua potabile.
Questo progetto sull’altra sponda del Mediterraneo fa seguito a quello concluso poco più di un anno fa in un altro Paese del Maghreb con la realizzazione a Kolèa (Algeria) della Scuola d’infanzia multilingue “Crèche Grains d’étoiles”, progetto promosso e portato a termine nell’ambito del longevo gemellaggio (2005) del Rotary Club L’Aquila con il Rotary Club “Alger La Baie”. Un altro tassello nella più ampia costruzione della “Casa Comune”. Come non ricordare il “Progetto Mediterraneo” (2001-2014) del CIP-Comitato InterPaese Maghreb - Italia grzie al quale, in perfetta sintonia con il Rotary Club di Avezzano, oltre 400 studenti (Algeria, Eritrea, Marocco, Tunisia) hanno potuto frequentare l'Istituto Agrario di Cepagatti-Alanno,; molti di loro, dopo il diploma, si sono laureati in varie discipline (Chieti-Pescara, Teramo, Perugia, Milano).
Due sponde di uno stesso mare: Mediterraneo unito si può. (aise)


Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli