Forme nel verde: in Val d’Orcia va in scena la 50ª edizione

SIENA\ aise\ - Cinquantesima edizione per la rassegna Forme nel Verde, promossa e organizzata dal Comune di San Quirico d’Orcia, cui è stata conferita per il suo cinquantesimo la Medaglia del Presidente della Repubblica. Inaugurata il 24 luglio, l’importante iniziativa proseguirà fino al 2 novembre, con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio, e dei Patrocini del MiC, Ministero della Cultura e dell’Ambasciata della Repubblica d’Albania in Italia. La rassegna è realizzata grazie al sostegno e Patrocinio della Regione Toscana.
È la più longeva tra le mostre d’arte italiane, Forme nel verde, nata da un’intuizione di Mario Guidotti, collezionista, appassionato d’arte e profondo conoscitore dell’arte moderna e contemporanea. Alla fine degli anni ’60 il panorama artistico nazionale e internazionale vede considerevoli mutamenti negli schemi e nelle forme dell’arte, e Forme nel verde è la prima mostra in Italia a proporre le visioni della Land Art, l’integrazione della scultura con il paesaggio, una formula espositiva nata proprio in quegli anni negli Stati Uniti, che vede la fruizione dell’arte in luoghi fino ad allora mai percorsi come spazi espostivi.
Mario Guidotti, toscano, nacque a Castiglione d’Orcia nel 1923, si laureò alla Sapienza e per qualche tempo fu assistente di Natalino Sapegno. Giornalista, scrittore e saggista, assunse la carica di Capo Ufficio stampa della Camera dei Deputati dove affiancò nel tempo diversi Presidenti quali: Brunetto Bucciarelli Ducci, Sandro Pertini, Nilde Iotti, Pietro Ingrao e Giorgio Napolitano.
Guidotti fu anche critico letterario e promotore di molteplici iniziative culturali, tra le quali si colloca anche la fondazione del teatro Povero di Monticchiello che Guidotti diresse per diverse stagioni. Padre del premio giornalistico “Barbi Colombini” dedicato al Brunello di Montalcino, scrisse, tra le altre opere, Un'aurora dall'Amiata, Lo scrittore disintegrato, che ricevette un'encomiabile critica di Eugenio Montale sul Corriere della Sera.
Ma l’opera più longeva di Mario Guidotti è Forme nel verde, nata dalla sua passione per la scultura informale, si dedicò costantemente ad essa per 30 anni, accompagnandola fino agli ultimi giorni della sua vita. Scomparso nell’agosto 2011, quest’anno Forme nel Verde ricorda anche i 10 anni dalla morte del suo Fondatore e ideatore.
La rassegna, iniziativa di rilievo nazionale e internazionale, ha visto succedersi, negli anni, maestri dell’arte quali Arnaldo Pomodoro, Costantino Nivola, Pietro Cascella, Mirella Forlivesi, Lorenzo Guadagnucci, Manzù, Alessandro Tagliolini, Carmelo Cappello, Matthew Spender, Michelangelo Pistoletto e Maurizio Cattelan, che hanno esposto negli Horti Leonini, il giardino rinascimentale disegnato da Michelangelo.
La rassegna d’arte, promossa e organizzata dal Comune di San Quirico d’Orcia, si avvale del sostegno culturale della Fondazione Tagliolini - Centro per lo Studio del Paesaggio e del Giardino - e delle Accademie di Belle Arti di Milano, Firenze, Carrara e Bologna. Forme nel verde, che oggi celebra i suoi 50 anni di vita in un continuo crescendo, vede un’edizione assolutamente straordinaria, diretta e curata da Carlo Pizzichini dove si presenta un programma di respiro internazionale e il coinvolgimento di numerosi luoghi della Val d’Orcia, della città di Siena e di Bagno Vignoni, a conferma dell’accresciuto valore dell’iniziativa sul territorio.
La Val d’Orcia, Patrimonio Unesco, è uno dei luoghi maggiormente celebrati al mondo per la sua bellezza unica e stupefacente. Questi luoghi, la città di San Quirico con gli Horti Leonini, il centro storico e il Palazzo Chigi-Zondadari, la Val d’Orcia, con la Cappella Vitaleta, i Cipressini, la vasca di Bagno Vignoni e la piazza del Duomo di Siena, ospiteranno le sei iniziative prevista per l’edizione del cinquantenario che vede un programma ricco ed eterogeneo tra le più alte forme d’arte; dalla scultura alla ceramica, fino alla pittura. Non manca, anche in questa edizione, l’attenzione alla tradizione storico artistica di San Quirico d’Orcia, ma anche un notevole spazio per i giovani artisti delle Accademie delle Belle Arti di Carrara, Bologna, Brera e Firenze.
Protagonista principale della rassegna è la mostra REFLEXES, SCULTURE DI LUCE DI HELIDON XHIXHA, curata da Klodian Dedja, che si confronta con la meravigliosa natura del cuore della Toscana, dove sono collocate alcune sculture nel paesaggio in punti strategici della Val d'Orcia, a San Quirico negli Horti Leonini e nel centro storico, a Bagno Vignoni e Siena.
Lo storico Palazzo Chigi-Zondadari, progettato dall’architetto Carlo Fontana per il cardinale Flavio Chigi tra 1679 ed il 1684, ospita le mostre: METAMORFOSI. L'Arte ceramica di POL Polloniato a cura di Claudia Casali, Direttrice del Museo Internazionale della Ceramica di Faenza; LE CERAMICHE DI SAN QUIRICO D'ORCIA da collezioni private (1693-1795) a cura di Vittoria Noli; RACCOLTA. Sculture contemporanee dal 1971 al 2021, dalla collezione del Comune di San Quirico d’Orcia; A RIVEDER LE STELLE, giovani scultori delle Accademie, a cura di Carlo Pizzichini e OMAGGIO A MARIO GUIDOTTI che celebra il Fondatore di Forme del verde nel cinquantesimo della fondazione della mostra.
Tutte le mostre saranno aperte fino al 2 novembre con ingresso gratuito. La rassegna Forme nel verde è visitabile tutti i giorni dall’alba al tramonto, le mostre a Palazzo Chigi-Zondadari seguono l’orario 10:00/19:00. Il programma e tutte le informazioni sulla mostra sono online. (aise)