Italian Council: i vincitori dell’11° edizione “Sviluppo dei talenti”

ROMA\ aise\ - Sono 24 i progetti vincitori dei grant per l’Ambito 3 - Sviluppo dei Talenti dell’undicesima edizione di Italian Council, bando internazionale promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura a supporto della creatività contemporanea italiana, fortemente impegnato sul fronte della promozione dell’arte e della ricerca artistica, critica e curatoriale italiane all’estero.
Su un totale di 60 candidature pervenute, l’Ambito 3 finanzia 7 residenze all’estero per artisti, curatori e critici e 17 progetti di ricerca artistica, critica e curatoriale internazionale.
“Anche per questa edizione di Italian Council, l’ambito dedicato allo sviluppo dei talenti rappresenta un momento chiave che offre l’opportunità ad artisti, curatori e critici italiani, o residenti in Italia, di sviluppare e arricchire il proprio percorso professionale all’estero, instaurando collaborazioni con importanti realtà accreditate nel settore della creatività contemporanea”, ha sottolineato Onofrio Cutaia, Direttore Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. “L’ammontare complessivo destinato alle borse è stato incrementato con 139.000 euro, considerando la qualità delle proposte pervenute, permettendo così di premiare 24 candidature, con una forte presenza di artiste, curatrici e critiche”.
I PROGETTI SELEZIONATI
GRANT PER RESIDENZE ALL’ESTERO DI ARTISTI, CURATORI E CRITICI
Sergio Racanati
(artista) presso Residência Artística Campo de Heliantos, Alter do Chão, Santarèm (Brasile)
Rebecca De Marchi (artista) presso Savannah Centre for Contemporary Art, Tamale (Ghana)
Pamela Breda (artista) presso Max Planck Institute for Empirical Aesthetics, Francoforte (Germania)
Giulia Vismara (artista) presso Sound and Image Research Group, University of Greenwich, Londra (Regno Unito)
Sara Alberani (curatrice) presso documenta und Museum Fridericianum gGmbH, Kassel (Germania)
Maria Di Stefano (artista) presso The Room Projects, Parigi (Francia)
Eugenia Delfini (curatrice) presso The Clemente Soto Vélez Cultural & Educational Center Inc., New York (Stati Uniti)
GRANT PER IL SOSTEGNO DELLA RICERCA DI ARTISTI, CURATORI E CRITICI
Caterina Pecchioli
(artista) per il progetto Decolonizing the Gaze: The Colonial Heritage of Italian and International Fashion Design and Its Impact on the Collective Imagination
Gaia Martino (curatrice) per il progetto For Zitkala-Sa: the moment we choose to love
Caterina Silva (artista) per il progetto Echoes of future bodies
Laura Burocco (critica) per il progetto A South-North Dialogue on Afroindigenous Art
Mariana Ferratto (artista) per il progetto Memoria de la Materia
Livia Milani (curatrice) per il progetto CIRCUITO. Scars of the land: minerals, conflicts, e-waste
Giovanna Maria Silva (artista) per il progetto Wonders of the Modern World
Fabrizio Gitto (critico) per il progetto La fotografia italiana contemporanea come strumento critico per l’architettura: contesti, protagonisti e narrazioni (1975-1990)
Clara Rodorigo (curatrice) per il progetto In Lucid Dreams We Dance
Alessandra Pomarico (curatrice) per il progetto Wider ecologies of knowledge: art, pedagogy and community. Per un’ecologia dei saperi: arte, pedagogia e comunità
Giovanni Giacomo Paolin (curatore) per il progetto Building Resistance
Martin Romeo (artista) per il progetto HUMAN VERSE
Alessandra Arno (curatrice) per il progetto Mediterranea - Analisi sulla produzione audiovisiva sperimentale di genere dell’area del Mediterraneo
Sonia D'Alto (curatrice) per il progetto Confabulazioni e spiritualità insorgenti (working title)
Luisa Turuani (artista) per il progetto 1 secondo 1 grammo
Niccolò Moronato (artista) per il progetto Guaiana Toscana
Edoardo Visalli (artista) per il progetto Hyperimage.
La Commissione di valutazione di Italian Council per il triennio 2022-2024 è composta da Fabio De Chirico, Direttore del Servizio II – Arte contemporanea che la presiede su delega del Direttore Generale; Claudio Varagnoli, architetto e professore ordinario all’Università di Chieti e Pescara, Presidente del Comitato tecnico-scientifico per l’arte e l’architettura contemporanee; Antonia Alampi, storica dell’arte, critica e curatrice, direttrice della Spore Initiative Foundation di Berlino; Alfredo Cramerotti, critico, curatore e artista, direttore della Mostyn Gallery di Llandudno (Galles); Roberta Tenconi, curatrice della Fondazione Pirelli HangarBicocca di Milano. (aise)