NON SEPARIAMOCI DAI LIBRI DELLA NOSTRA VITA: LA DANTE ALIGHIERI AVVIA LA RASSEGNA “PAGINE DI STORIA”

NON SEPARIAMOCI DAI LIBRI DELLA NOSTRA VITA: LA DANTE ALIGHIERI AVVIA LA RASSEGNA “PAGINE DI STORIA”

ROMA\ aise\ - Salviamo i libri: il grido d’allarme del presidente di AIE Ricardo Franco Levi risuona forte da alcuni giorni anche nel web, e richiama l’attenzione sulla crisi profonda e già pluriennale dell’editoria. Il libro è da sempre al centro dell’attenzione della Società Dante Alighieri, come già ha ricordato Andrea Riccardi in occasione del Congresso internazionale della Dante a Buenos Aires nel luglio 2019 lanciando i Presidi Letterari e Ferruccio De Bortoli: “I libri della nostra vita sono oggetti dai quali non vorremmo mai separarci perché la lettura è un'esperienza intima personale solitaria e universale”.
Con l’auspicio di ritrovare presto la compagnia dei nostri libri, e di riprendere le consuete presentazioni nella sede centrale di Palazzo Firenze, a Roma, la Dante porta dunque in modalità telematica la nuova rassegna “Pagine di Storia”.
Nata da un’idea del Presidente Andrea Riccardi, l’iniziativa divulgherà nel sito e nei social della Dante, dal 7 al 30 aprile, ogni martedì e giovedì alle 10.30, una serie di autopresentazioni con autori che propongono i loro libri. Sarà il primo di molti progetti anche su altri temi e con formati di audiolibro, sempre per la cultura del libro e della lettura. In collaborazione con le case editrici, i titoli presentati si potranno acquistare online.
“Pagine di Storia” apre dunque un primo percorso attraverso specifici momenti della grande Storia del Novecento, con prospettive sul presente. La prima autopresentazione sarà con il ricercatore sociale Nando Pagnoncelli, chiamato a illustrare il rapporto Ipsos “Italia 2020: stati emotivi”. Lo studio si focalizza sulla diffusa condizione di emotività che ora “sembra aver preso il sopravvento nella politica, nella comunicazione e nelle scelte del consumatore”.
Grazie alla propria rete internazionale attiva in 80 paesi del mondo, la Dante continua così a promuovere la lingua e la cultura italiane e sostenere l’editoria, una delle più grandi imprese culturali del nostro Paese.
“Il mondo globale” afferma lo storico Andrea Riccardi “ha bisogno di umanesimo. Le pagine della storia ci rammentano il valore della cultura italiana e la Dante deve continuare a diffondere il sentire umanistico, soprattutto in momenti di crisi come quello attuale”.
Piano di pubblicazione
Martedì 7 aprile - Nando Pagnoncelli, Italia 2020: stati emotivi, Game Changers-Ipsos
Giovedì 9 aprile - Pier Luigi Vercesi, La notte in cui Mussolini perse la testa, Neri Pozza
Martedì 14 aprile - Agostino Giovagnoli e Elisa Giunipero (a cura di), L'accordo fra la Santa Sede e la Cina. I cattolici cinesi tra passato e futuro, Urbaniana University Press
Giovedì 16 aprile - Mario Marazziti, Porte aperte, Piemme
Martedì 21 aprile - Maria Teresa Giusti, La campagna di Russia 1941-1943, Il Mulino
Giovedì 23 aprile - Patrizia Gabrielli, Prima della tragedia. Militari italiani a Cefalonia e a Corfù, Il Mulino
Martedì 28 aprile - Cesare Catananti, Il Vaticano nella tormenta, San Paolo
Giovedì 30 aprile - Raffaella Morselli, Tra Fiandre e Italia: Rubens 1600-1608. Regesto biografico-critico, Viella
Per seguire #PaginediStoria basta collegarsi al sito web ladante.it o al canale Youtube ladanteit. (aise) 

Newsletter
Archivi