Premio Nazionale Mario Arpea. Letteratura e poesia di montagna

L’AQUILA\ aise\ - Venerdì 26 agosto, presso Villa Cidonio, sede del Parco Regionale Sirente Velino, a Rocca di Mezzo (AQ), in un perfetto connubio tra natura e cultura, si svolgerà la cerimonia di premiazione del Premio Nazionale Mario Arpea. Letteratura e poesia di montagna.
Tre le sezioni del premio, cui ci si potrà iscrivere fino al 15 giugno: Sez. A) Poesia inedita sul tema della montagna; Sez. B) Poesia edita sul tema della montagna; Sez. C) Libro di Narrativa o Saggistica sul tema della montagna, edito non prima del 2017, provvisto di ISBN.
Il concorso è dedicato alla memoria dell’illustre cittadino nato a Rocca di Mezzo, Mario Arpea; professore universitario di diritto della navigazione, politico, poeta, scrittore e saggista che con i suoi numerosi scritti ha svelato gli aspetti più sconosciuti, intimi e sentimentali dell’Altopiano delle Rocche, interpretando “lo spirito dei luoghi” come egli stesso amò scrivere.
L’evento, giunto ormai alla sua nona edizione, è promosso dal Comune di Rocca di Mezzo in collaborazione con la Società Dante Alighieri, Parco Nazionale Sirente Velino, Pro Loco di Rocca di Mezzo, con il contributo della Regione Abruzzo, del Comune di Rocca di Mezzo, della Società Dante Alighieri, della rivista Logos Cultura, di Massimo Arpea e Alessandro de Montis, e con il patrocinio della Università Gabriele d’Annunzio – Dipartimento di Lettere e Arti e Scienze Sociali e Club per l’Unesco di Pescara.
Ogni anno gli elaborati che giungono per la selezione, crescono di numero diventando sempre più numerosi.
Saranno valutati dalla giuria che come negli scorsi anni, è formata dal presidente Alessandro Masi, Segretario Generale della Società Dante Alighieri, dal presidente onorario Alessandro de Montis, imprenditore, da Maria Teresa Giusti, Professoressa di Storia Contemporanea presso l’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara, da Daniela Quieti, giornalista e Presidente dell'Associazione LOGOS CULTURA e Direttore Responsabile dell'omonimo Periodico e infine da Antonio Sorella, Professore di Storia della Letteratura e della Lingua Italiana presso l’Università G. d’Annunzio di Chieti-Pescara.
Verranno inoltre assegnati due premi speciali.
Il primo è il “Narciso d’oro”, indetto dall’amministrazione comunale di Rocca di Mezzo e consegnato dal sindaco Mauro Di Ciccio, a una personalità residente in Abruzzo, particolarmente distintasi nell’ambito della specifica professione.
Il secondo è l’”Arpea Speciale” indetto dalla giuria e consegnato dal presidente Alessandro Masi, a una personalità del mondo della cultura, particolarmente distintasi nell’ambito della letteratura di montagna.
Il bando per partecipare è disponibile qui. (aise)