IL FUTURO DEL TURISMO

IL FUTURO DEL TURISMO

ROMA – focus/ aise - È uscito in questi giorni online il numero zero del bollettino dell’Osservatorio Nazionale del Turismo riguardo il settore turistico. Uno strumento con cui l’Enit (Agenzia Nazionale Turismo), e il Ministero dei Beni e le Attività Culturali e il Turismo, vogliono rispondere alla grave crisi legata alla pandemia Coronavirus. Un vero e proprio “Termometro Italia” che aiuterà imprese e istituzioni nelle strategie turistiche in questo drammatico periodo per il settore.
Il bollettino uscirà con cadenza quindicinale (il 7 maggio il prossimo) aggiornerà costantemente riguardo tematiche del comparto, attraverso dati e risposte per le istituzioni e gli operatori. Dal bollettino dell’Agenzia Nazionale del Turismo emerge una fotografia con i dati su pernottamenti, spesa e prospettive del turismo 2020, e include indicatori esclusivi sull'ascolto dell'ecosistema digitale e le prenotazioni aeroportuali, il benchmarking sui nostri competitor, al fine di monitorare puntualmente l'evoluzione della settore in vista della ripartenza, con uno sguardo attento a prenotazioni e prezzi e all'orientamento delle vendite del Brand Italia attraverso il contatto costante delle sedi estere dell'Agenzia con i tour operator stranieri. Il bollettino Enit tiene anche conto dell'impatto economico potenziale del Coronavirus sul mercato turistico nonché le intenzioni di vacanza e le prenotazioni da Paesi Europei e intercontinentali con uno studio approfondito dei trend e dei topic diffusi anche mediante i social.
Il primo trimestre è stato salvato da gennaio-febbraio, ancora in crescita, ma per l'estate le prenotazioni sono comunque in stallo: ma “nonostante il calo, si ha voglia di Italia e il mondo ci vuole bene” afferma l’ENIT. Il Belpaese è infatti nel cuore di molti, il che risulta chiaro, secondo l’Agenzia Nazionale del Turismo, dai social dove viene spesso "invocato" (sono 162 milioni le interazioni sul travel italia nell'ultimo mese).
Le prenotazioni confermate fino al 12 aprile per l'estate 2020 vedono il turismo italiano "resistente" nonostante un calo del -57,5% dal persistere del Covid. Seguono per variazione negativa Spagna (-56,7%), UK (-54,7%), Francia (-54%), Paesi Bassi (-52,8%), Portogallo (-50,7%). Tassi di decremento inferiori in Grecia (-47,7%), Russia (-42,6%) e Irlanda (-42,6%). Impatti maggiori si rilevano sui viaggi dai mercati a lungo raggio (dal -50% al -79%), seguiti dal medio raggio (paesi emergenti europei dal -44% al -70%) e dal trasporto a corto raggio (Europa occidentale dal -39% al -69%).
Si prevede, inoltre, un impatto sulla spesa turistica in entrata dall’estero che si traduce in un calo di quasi 20 miliardi di euro nel 2020 rispetto al livello del 2019. Per i pernottamenti internazionali si prevede un calo di 102 milioni nel 2020 rispetto al 2019. Gli hotel a 3 e 4 stelle hanno perso finora un fatturato di circa 2,5 miliardi. C'è anche un impatto sulla stagionalità: le località legate ai mesi di punta estivi saranno maggiormente colpite, così come coloro che acquisiscono una quota maggiore di visitatori da più mercati in outgoing stagionale (come i paesi a lungo raggio), perché i viaggi saranno più limitati da maggio a fine agosto. Quanto agli arrivi aeroportuali internazionali tra gennaio e marzo 2020, si evidenzia un calo generalizzato del -38,2% rispetto al primo trimestre del 2019, che vede in testa la diminuzione in Asia e Pacifico con il -48,7%, seguita al secondo posto dall’Europa col -36,4%, dall’Africa e Medio Oriente col -29% e dalle Americhe al -26,7%. In Europa è l’area del Centro-Est europeo a subire il calo più profondo pari al -40,7%, seguita dall’Europa Occidentale col -39,7% e dal Sud Europa col -39,2% mentre l’Europa del Nord limita il danno al -33,9%.
Lo strumento del Bollettino è finalizzato al supporto di operatori e istituzioni per un rilancio sinergico del settore in un'azione congiunta con le Regioni. In questo scenario l'Agenzia sta adottando misure di supporto al turismo, sia per dare il giusto rilievo al settore, sia per rendere più agevole alle imprese e agli addetti la sua lettura e comprensione, sia come ulteriore valorizzazione dell’impegno a favore di una filiera così gravemente colpita. Partiranno nuove piattaforme di promo commercializzazione per il b2b per le imprese turistiche nel mese di settembre e la programmazione di webinar sui principali mercati esteri dal 18 maggio 2020. Tutte le info dettagliate su enit.it.
Una maratona di idee online lunga 48 ore per l’industria del turismo. Si è tenuta venerdì e sabato, 1 e 2 maggio, un evento pubblico che ha chiamato a raccolta innovatori, startupper, developer, operatori del mondo del turismo e della cultura, designer, ricercatori e creativi, cui ha partecipato anche l’Enit.
Organizzato da The Data Appeal Company in collaborazione con Onde Alte, l’hackathon per rilanciare l'industria del turismo è stato supportato dall’Agenzia Enit che intende mettere in campo azioni specifiche in collaborazione con le strategie del Mibact sulla scia del modello di condivisione dal basso com'è avvenuto per il Piano Strategico del Turismo italiano.
Durante la maratona di idee della durata di 48 ore - che si è svolta rigorosamente online, nel rispetto di tutte le normative di sicurezza, per elaborare soluzioni e idee innovative per il comparto che tonerà più forte di prima – è stata lanciata la sfida a raccogliere spunti, idee e ispirazioni sul riposizionamento della Destinazione Italia sia sul mercato interno che sui mercati internazionali.
"Crediamo nello spirito di condivisione delle idee, in questo momento è fondamentale fare squadra. Ci voleva un momento di scambio con gli operatori della filiera per tratteggiare le nuove linee di innovazione e contribuire al dialogo sul turismo, base fondamentale per ripartire”, sottolinea l’agenzia, secondo cui “sarà necessaria una campagna specifica sulla Penisola”, così come sarà necessario “essere in cabina di regia con le associazioni”.
Enit “sta lavorando in sinergia con tutti gli assessori al Turismo italiani per adottare interventi specifici, cercando di cogliere questo momento di adeguamento ai nuovi protocolli come un'opportunità per le aziende di miglioramento del prodotto hospitality e attraverso il bollettino diffuso ogni 15 giorni tiene aggiornato il settore con tutte le info e i dati ufficiali elaborati per il Mibact”.
Con l’hackhaton si punta a coinvolgere oltre mille persone, che si confronteranno su varie piattaforme digitali, accompagnati da mentor “operativi” e “on call” che affiancheranno i vari team durante la sfida. Gli innovatori sono stati chiamati a cimentarsi su tre specifici focus: soluzioni e idee innovative per ricettività e tour operator; soluzioni e idee innovative per destinazioni turistiche; soluzioni e idee innovative per musei e cultura. (focus\ aise)