VITTORIO SANDALLI NUOVO AMBASCIATORE A KABUL

VITTORIO SANDALLI NUOVO AMBASCIATORE A KABUL

ROMA\ aise\ - “Al fianco dei nostri operatori di pace per proseguire l’azione italiana a sostegno del popolo afghano, di fronte alle nuove sfide comuni e alle opportunità di un percorso verso la riconciliazione e la stabilità”. Così Vittorio Sandalli, nuovo ambasciatore d’Italia a Kabul.
Romano, classe 1957, Sandalli si laurea in giurisprudenza all’Università di Roma ed entra in carriera diplomatica nel 1990. I primi incarichi alla Farnesina sono al Centro Cifra e Telecomunicazioni e alla Direzione Generale del Personale. Nel 1992 è secondo segretario commerciale a Lusaka, dove viene confermato nel 1995 con funzioni di Primo segretario commerciale. Tre anni dopo è Primo segretario ad Ankara.
Nel 2000 torna a Roma, ancora una volta alla DG Personale, dove nel 2002 è incaricato di svolgere le funzioni di Capo dell’Ufficio III.
Nel 2006 è Console Generale a Johannesburg; l’anno successivo lascia il Sud Africa per la Georgia: è incaricato d’Affari con Lettere a Tbilisi, dove nel 2008 è confermato come Ambasciatore.
Nel 2011 torna alla Farnesina alle dirette dipendenze del Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese con funzioni vicarie del Vice Direttore Generale/Direttore Centrale per l’Internazionalizzazione del Sistema Paese e le Autonomie Territoriali.
Nel 2015 è Ambasciatore a Jakarta accreditato, con credenziali di Ambasciatore, anche a Dili (Repubblica Democratica di Timor Est) e, con titolo e rango di Ambasciatore, presso l’ASEAN (Association of Southeast Asian Nations), incarico che ora lascia per l’Afghanistan. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi