CORONAVIRUS: DALL’UNICEF 6 CONSIGLI PER GLI ADOLESCENTI

CORONAVIRUS: DALL’UNICEF 6 CONSIGLI PER GLI ADOLESCENTI

GINEVRA\ aise\ - “Essere un adolescente è dura in ogni circostanza, e il coronavirus lo rende ancora più difficile. Con la chiusura delle scuole e la cancellazione di eventi, molti adolescenti stanno rinunciando ad alcuni dei momenti più importanti delle loro vite, oltre a quelli quotidiani come parlare con gli amici e frequentare la scuola. Agli adolescenti che stanno affrontando cambiamenti di vita a causa dell’epidemia e che si sentono in ansia, isolati e amareggiati, sappiate: non siete soli”. Queste le parole che il Presidente dell’UNICEF Italia Francesco Samengo ha indirizzato agli adolescenti italiani in occasione della diffusione del “vademecum” che l’Unicef ha dedicato loro, per supportarli durante l’isolamento da coronavirus.
L’UNICEF, infatti, ha interpellato Lisa Damour, psicologa esperta per l’adolescenza, autrice di best seller ed editorialista mensile del New York Times, su come prendersi cura di se stessi e della propria salute mentale.
Sei i punti principali evidenziati: 1. Riconoscere che il tuo stato di ansia è completamente normale; 2. Creare distrazioni; 3. Trovare nuovi modi per connettersi con gli amici; 4. Concentrati su di te; 5. Ascoltati; 6. Sii gentile con te stesso e con gli altri.
Di seguito i consigli dell’Unicef.
1. RICONOSCERE CHE IL TUO STATO DI ANSIA È COMPLETAMENTE NORMALE
Se la chiusura delle scuole e le notizie allarmanti ti fanno sentire ansioso, sappi che non sei il solo. Questo è il modo in cui generalmente ci si sente.
“Gli psicologi hanno riconosciuto da tempo che gli stati di ansia sono un meccanismo normale e sano che ci mette in allarme rispetto a potenziali pericoli e ci aiuta ad adottare le giuste misure per proteggerci,” ha dichiarato Damour. “Il tuo stato di ansia ti aiuta a prendere la decisione che devi prendere in questo momento – non stare con altre persone o in grandi gruppi, lavare le mani e non toccare il viso”. Tutte queste sensazioni aiutano a stare al sicuro non solo te, ma anche gli altri. In questo modo “ci prendiamo cura anche dei membri delle nostre comunità. Pensiamo anche alle persone che ci circondano”.
Gli stati di ansia dovuti al COVID-19 sono comprensibili, ma assicurati di utilizzare “fonti affidabili come i siti dell’UNICEF e dell’OMS per reperire informazioni o verificare le informazioni con cui sei entrato in contatto attraverso canali meno attendibili” – raccomanda Damour.
Se sei preoccupato di avere dei sintomi è importante parlarne con i tuoi genitori. “Ricorda che la malattia causata dall’infezione di COVID-19 si presenta spesso in modo lieve, soprattutto per i bambini e i giovani,” ha continuato Damour. È anche importante ricordare che molti dei sintomi del COVID-19 possono essere curati. La dottoressa raccomanda di informare i genitori o gli adulti di cui ci si fida se non ci si sente bene o se ci si sente preoccupati riguardo al virus, così che possano essere di aiuto.
E ricordare che: “Ci sono molte cose concrete che possiamo fare per tenere noi stessi e gli altri al sicuro e sentirci più padroni della nostra vita: lavare le mani con frequenza, non toccare la faccia e impegnarci nel distanziamento sociale”.
2. CREARE DISTRAZIONI
“Gli psicologi sostengono che anche quando ti trovi a dover affrontare una situazione di difficoltà cronica, è molto utile dividere i problemi in due categorie: quelli su cui puoi agire direttamente, e quelli per cui non puoi fare nulla,” ha dichiarato Damour.
Ci sono molte cose che adesso rientrano nella seconda categoria e va bene, ma una cosa ci può aiutare ad affrontare tutto questo: creare distrazioni per noi stessi. Damour suggerisce di fare i compiti, guardare i film preferiti o andare a dormire con un libro, per trovare sollievo e un equilibrio quotidiano.
3. TROVARE NUOVI MODI PER CONNETTERSI CON GLI AMICI
Se vuoi passare del tempo con gli amici mentre pratichi distanziamento sociale, i social media sono un ottimo modo per rimanere in contatto. Sii creativo/a: partecipa su Tik-Tok a sfide come #safehands. "Non sottovaluterei mai la creatività degli adolescenti", dice Damour, "La mia idea è che troveranno modi per [connettersi] l'uno con l'altro online che sono diversi da quelli utilizzati in precedenza".
"Ma non sarà una buona idea avere un accesso illimitato agli schermi e/o ai social media. Non è salutare, non è intelligente, può amplificare l'ansia", ha continuato Damour, raccomandando di elaborare con i genitori un programma di pianificazione del tempo che si trascorre davanti allo schermo.
4. CONCENTRATI SU DI TE
Desideri imparare a fare qualcosa di nuovo, iniziare un libro o passare del tempo suonando uno strumento musicale? Adesso è il momento per farlo. Concentrarsi su se stessi e trovare nuovi modi per utilizzare il tempo ritrovato è un modo produttivo per prendersi cura della propria salute mentale. “Sto facendo una lista di tutti i libri che voglio leggere e delle cose che ho intenzione di fare,” ha dichiarato Damour.
5. ASCOLTATI
Perdere eventi con gli amici, hobby o partite sportive è incredibilmente destabilizzante. “Queste sono perdite su larga scala, hanno effetti sconvolgenti e giustamente lo sono per gli adolescenti,” ha dichiarato Damour. Il miglior modo per affrontare questa delusione? Ascoltarla. “Quando ci confrontiamo con una sensazione dolorosa, l’unica via di uscita è affrontarla. Comincia, sii triste e se lo farai, inizierai presto a sentirti meglio.”
Comprendere le proprie sensazioni è diverso per ognuno. “Alcuni ragazzi si dedicheranno all’arte, altri vorranno parlare con gli amici e condividere la loro tristezza per sentirsi connessi in un momento in cui non possono essere insieme di persona, altri ancora troveranno il modo per portare cibo alle mense alimentari,” ha continuato Damour. Ciò che è importante è fare ciò che ti fa stare bene.
6. SII GENTILE CON TE STESSO E CON GLI ALTRI
Alcuni adolescenti stanno subendo bullismo e abuso a scuola a causa del coronavirus. “Attivare le persone presenti è il modo migliore per affrontare qualsiasi tipo di bullismo", ha affermato Damour. "I bambini e gli adolescenti che vengono presi di mira non dovrebbero affrontare i bulli, ma dovremmo piuttosto incoraggiarli a rivolgersi ad amici o adulti per ricevere aiuto e sostegno".
Se vedi che un tuo amico viene bullizzato, parlagli e prova ad offrirgli supporto. Non fare nulla può lasciare che quella persona pensi che siano tutti contro di lui/lei e che nessuno se ne preoccupi. Le tue parole possono fare la differenza. E ricorda: adesso più che mai abbiamo bisogno consapevoli di ciò che condividiamo o diciamo perché potrebbe ferire gli altri. (aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli