UNICEF: 2,3 MILIONI DI BAMBINI A RISCHIO NEL SAHEL CENTRALE

UNICEF: 2,3 MILIONI DI BAMBINI A RISCHIO NEL SAHEL CENTRALE

Ph. Juan Haro/Unicef

GINEVRA\ aise\ - La crescente violenza e l’insicurezza stanno minacciando le cure e la protezione di circa 2,3 milioni di bambini che hanno bisogno quest’anno di assistenza per la protezione nella regione del Sahel Centrale, che comprende Burkina Faso, Mali e Niger. Un numero in aumento rispetto ai circa 1,2 milioni di bambini nel 2019. Allo stesso tempo, questi paesi sono fra i paesi maggiormente colpiti dal COVID-19 in Africa. Mentre la pandemia si diffonde nella regione, la violenza contro i bambini continua ad aumentare. Questo l’allarme lanciato dall’UNICEF.
In Burkina Faso, spiega l’Agenzia delle Nazioni Unite, il numero di bambini che hanno bisogno di assistenza per la protezione è aumentato di oltre 10 volte dai 35.800 bambini nel 2019 ai 368.000 nel 2020. In Mali, oltre un milione di bambini affronta problematiche legate alla protezione quest’anno, il doppio rispetto all’anno scorso. Mentre oltre 867.000 bambini in Niger hanno bisogno di assistenza per la protezione nel 2020, 200.000 in più rispetto al 2019.
“La pandemia di COVID-19 aggiunge ulteriori rischi ai diritti e alla sicurezza di milioni di bambini già intrappolati in una o più crisi umanitarie nella regione del Sahel Centrale - ha dichiarato Marie-Pierre Poirier, Direttore regionale dell’UNICEF per l’Africa Occidentale e Centrale -. In un contesto di alti livelli di insicurezza, i bambini sono stati vittime di abusi e violenze, sfruttamento sessuale o economico, tratta, matrimoni precoci, e molti sono stati costretti a separarsi dalle loro famiglie o reclutati nei gruppi armati”.
Il COVID-19 sta rendendo una situazione già critica per i bambini nel Sahel centrale - in particolare per le ragazze, i bambini sfollati e coloro che vivono nelle strade - ancora peggiore. Le scuole sono state chiuse in tutti e tre i paesi per limitare la diffusione del coronavirus, con conseguenze sull’istruzione di circa 12 milioni di bambini che temporaneamente non frequentano la scuola. Prima del COVID-19, oltre 8 milioni di bambini, fra i 6 e i 14 anni, non andavano già a scuola nella regione. Quando i bambini non vanno a scuola, affrontano un maggiore rischio di reclutamento da parte dei gruppi armati, violenza di genere e sessuale, lavoro minorile e altre forme di sfruttamento e abusi.
In Burkina Faso, inoltre, si sono verificati 34 episodi legati alla sicurezza solo a marzo, con l’uccisione di 139 civili, fra cui 4 bambini, un numero maggiore rispetto a gennaio e febbraio. Le insicurezze hanno portato allo sfollamento di oltre 838.000 persone, il 61% delle quali bambini, e la grande maggioranza vivono in famiglie ospitanti o in luoghi per sfollati, senza accesso adeguato ad acqua pulita e servizi igienico-sanitari di base, terreno fertile per la trasmissione del coronavirus.
In modo simile, la situazione umanitaria in Mali rimane estremamente fragile e complessa. Nel 2019, sono state segnalate preliminarmente dalle Nazioni Unite 745 violazioni gravi contro i bambini, fra cui il reclutamento dai gruppi armati, uccisioni, mutilazioni, stupri e altre violenze sessuali, attacchi su scuole e ospedali, rapimenti e rifiuto di accesso ai servizi umanitari - il numero più alto registrato dal 2017. Fino a marzo, sono stati segnalati preliminarmente per il 2020 228 casi di gravi violazioni contro i bambini. È stato anche registrato un forte aumento degli sfollamenti forzati, con oltre 137.000 bambini attualmente sfollati in Mali.
In Niger, invece, le misure di contenimento del COVID-19 hanno esposto gruppi vulnerabili specifici, come i bambini che vivono nelle strade o i bambini che frequentano le scuole coraniche, a rischio ancora maggiore. Circa 7.400 bambini almajiri* sono ritornati dalla Nigeria al Niger a causa della chiusura delle scuole coraniche e 375 bambini migranti non accompagnati (fra cui 107 ragazze) sono rientrate dalla Libia e dall’Algeria da gennaio ad aprile. Ulteriori 7.015 bambini talibé* sono stati identificati come vulnerabili e hanno bisogno di supporto a Niamey, il focolaio della pandemia in Niger. Lì, a causa delle restrizioni economiche e fisiche e dell’impatto sul reddito delle famiglie e della sicurezza legati al COVID-19, la violenza di genere è diventata una tendenza preoccupante, con un aumento significativo a marzo, e maggiori vittime fra i bambini.
“Le azioni intraprese per contenere la diffusione del coronavirus hanno rallentato la fornitura di assistenza umanitaria e servizi sociali per la protezione e le cure dei bambini nel Sahel centrale. Nel frattempo, l’insicurezza non si è fermata, e i bambini continuano a pagare un prezzo alto - ha dichiarato Poirier -. Ora più che mai è il tempo di una solidarietà globale. Mentre i governi lavorano insieme per proteggere i bambini dagli impatti sanitari del COVID-19, dobbiamo anche continuare a proteggere i bambini dagli impatti sanitari del COVID-10, dobbiamo anche continuare a proteggere i bambini più vulnerabili da violenza, sfruttamento e abusi, rendendo i nostri programmi “a prova di COVID””.
L’UNICEF invita i governi a investire in servizi di protezione dell’infanzia e nella forza lavoro sociale come pilastri essenziali della risposta al COVID-19 e a rafforzare i sistemi di protezione nazionali, i meccanismi di orientamento per la violenza di genere e la fornitura di supporto psicosociale - soprattutto per i bambini in contesti colpiti dal conflitto. Insieme ai partner, l’UNICEF lavora per assicurare la continuazione dei servizi di protezione dei bambini, per esempio supportando i paesi a stabilire canali sicuri e accessibili per segnalare violenze, abbandoni e abusi contro i bambini, e per dare informazioni ai bambini, ai giovani e alle loro comunità, in merito ai loro diritti e alle misure di protezione disponibili.
In Burkina Faso l’UNICEF ha formato giovani per rispondere a domande sul COVID-19 inviate da altri giovani via SMS - con il supporto di esperti sanitari - usando una piattaforma di chatbot. In Mali, l’UNICEF si è unito a organizzazioni partner della società civile per fornire servizi di protezione dell’infanzia incluso supporto psicosociale e cure alternative per i bambini colpiti da COVID-19 o esposti ad alti rischi di contaminazione. In Niger, l’UNICEF ha lavorato con il governo per identificare i bambini di strada e talibés itineranti e per supportare il loro ritorno e reintegrazione nelle loro comunità.
L’UNICEF ha aumentato il suo appello per i bambini nella regione del Sahel centrale a 268 milioni di dollari per fornire aiuto alle popolazioni colpite e a rischio di COVID-19 continuando ad assistere i bambini e le loro famiglie con servizi di protezione, istruzione, salute, nutrizione, acqua e servizi igienico-sanitari. Ad aprile 2020, il piano di risposta rimane sottofinanziato del 76% in Burkina Faso, del 76% in Mali e del 71% in Niger. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi