“IL FUTURO HA UNA STORIA ANTICA”: 11 IMPRESE INNOVATIVE IN TOSCANA NEL LIBRO DELLA SANT’ANNA

“Il futuro ha una storia antica”: 11 imprese innovative in Toscana nel libro della Sant’Anna

PISA\ aise\ - Dove ricercare nuove forme di futuro? Questa la domanda che si sono posti gli autori del volume “Il futuro ha una storia antica. Casi di imprese innovative in Toscana”, edito da Pacini Editore e fresco di stampa, che racconta undici casi di imprese innovative in Toscana.
Alberto Di Minin, Andrea Piccaluga, Giulio Ferrigno, rispettivamente docenti e ricercatore di management dell’innovazione alla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, si sono interrogati, anche alla luce di questi mesi di pandemia, su quali saranno le strade da intraprendere, per poter proporre modelli di economia sostenibili.
“Questo progetto – raccontano gli autori – nato dal desiderio di occuparsi di innovazione nelle imprese toscane, è stato possibile grazie al contributo di ricercatori appartenenti o affiliati all’Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa”. Il libro nasce dunque da una solida collaborazione fra la Scuola, proiettata da tempo sulla frontiera della ricerca internazionale, e la storica casa editrice pisana, Pacini Editore, a rappresentare proprio l’intento di valorizzare del territorio.
Il tema, e il senso del libro, è senz’altro da ricercare nel rapporto tra territorio e innovazione. “Questo legame – spiegano ancora gli autori – prende vita attraverso una molteplicità di ingredienti che caratterizzano il fare innovazione in Toscana, su alcuni dei quali vorremmo porre particolare attenzione: la cultura della bellezza, la visione dell’imprenditore, il forte ancoraggio ad un distretto industriale e la vicinanza con il mondo della ricerca”.
Sono state così identificate alcune aziende, undici per la precisione, innovative che ricoprono un importante ruolo per il territorio toscano in termini di fatturato, impiego di personale e rilevanza per il territorio su cui operano, testimoniando una pluralità di ingredienti che hanno reso la Toscana un terreno fertile per intraprendere un sogno imprenditoriale.
Le aziende analizzate e prese a paradigma sono: Aboca, Arbi dario, Bb, Caen, Edra, Kedrion Biopharma, Knauf, Peuterey, Piacenti, Powersoft, Sesa Group. Le storie raccontate in questo libro, in sostanza, vogliono dimostrare che non è necessario fuggire a Milano, Londra, o New York per poter condurre un’attività imprenditoriale di successo, poiché la Toscana, da sempre, rappresenta un laboratorio di innovazione per nuove forme di organizzazioni sociali, politiche ed economiche. (aise) 

Newsletter
Archivi