CONTROESODO: UNGARO (PD) PRESENTA ALLA CAMERA IL PROVVEDIMENTO

CONTROESODO: UNGARO (PD) PRESENTA ALLA CAMERA IL PROVVEDIMENTO

ROMA\ aise\ - Si è tenuta oggi nella sala stampa della Camera dei Deputati una conferenza in cui Massimo Ungaro, deputato del PD eletto in Europa e componente della VI Commissione Finanze di Montecitorio, ha presentato alla stampa il provvedimento, già oggetto di un’interrogazione, sul “controesodo”: “Si tratta di una norma ancora poco conosciuta”, ha detto Ungaro, che nell’interrogazione ha chiesto al Governo di aggiornare le agevolazioni fiscali della legge 238/2010, “l’appello che lanciamo oggi è quello alla massima diffusione, per far capire a chi fosse interessato a rientrare che ci sono concrete possibilità di aiuto da parte dello Stato”.
Una legge, quella proposta da Ungaro, pensata “non per gli elettori del PD, ma per il Paese intero. È in gioco la tenuta socio economica dell’Italia” ha concluso il deputato.
Nella stessa sede è intervenuto anche il vice presidente della Camera, Ettore Rosato: “Questa legge”, ha detto nel suo intervento, “fornisce a chi è espatriato gli strumenti per tornare in Italia. Incentivare il rientro è importante ed è giusto che leggi come queste vengano pubblicizzate con tutti i mezzi. Per questo serve una grande campagna d’informazione”.
L’onorevole Laura Garavini, una delle promotrici e firmatarie di Controesodo già nel 2010 (con rinnovo nel 2013), è intervenuta ricordando come leggi di questo tipo trovino la loro forza maggiore in un impegno congiunto delle diverse forze politiche: “Il Partito Democratico è il partito degli italiani all’estero”, ha affermato Garavini, “ma come nel 2010, anche ora c’è bisogno di un impegno bipartisan per rendere gli effetti del controesodo concreti”.
“Andare all’estero”, ha aggiunto, “è qualcosa di molto positivo, è giusto che i talenti partano per lavorare all’estero, il problema, però, è quando non c’è circolarità, quando l’Italia non si dimostra attraente non solo per riportare in Italia le eccellenze del nostro Paese, ma anche per attirare i talenti dall’estero. Per questo”, ha concluso la senatrice, “l’Onorevole Ungaro parla di un rischio per la tenuta socio economica dell’Italia. Mi auguro dunque che si prosegua nel solco importante di riforme strutturali che abbiamo messo in campo già nella precedente legislatura per far sì che l’Italia torni competitiva”.
Silvia Fregolent, anche lei come Ungaro nella VI Commissione Finanze, ha parlato della necessità di mantenere la legge Controesodo viva, di curarla: “Si tratta di uno strumento prezioso, un’opportunità concreta per supportare il rientro degli italiani all’estero. Di qualunque ceto e di qualunque professionalità” ha detto.
Per l’occasione è intervenuto anche il presidente dell’Associazione Controesodo, che attualmente rappresenta 10 mila lavoratori altamente qualificati che dall’estero sono ritornati in Italia: “Guidiamo queste persone aiutandole a districarsi con la burocrazia”, ha spiegato, “offriamo un flusso costante di informazioni e chiarimenti sui contributi fiscali a disposizione. Il nostro gruppo”, ha aggiunto, “ha attivamente lavorato con il PD alla risoluzione dei problemi creati dalla stratificazione normativa, ma c’è ancora una scarsissima conoscenza delle agevolazioni fiscali”.
“La norma attuale”, ha proseguito il presidente dell’associazione Controesodo, “prevede 5 anni di incentivi. Noi vorremmo un prolungamento dell’agevolazione, anche in misura ridotta, ma che consenta a chi ne usufruisce di acquistare un’unità immobiliare o di dar vita a un nucleo familiare con figli. Questo per incoraggiare chi rientra a fermarsi in Italia e non a ripartire una volta terminati gli incentivi. Crediamo inoltre che bisogni ripristinare l’agevolazione anche per i redditi d’impresa, che attualmente ne sono esclusi”.
È intervenuta con una nota anche l’onorevole Angela Schirò, assente per motivi di salute, che ha a sua volta parlato dell’importanza di incentivare una circolarità internazionale di esperienze di studio, professionali e di lavoro, facendo dell’Italia un Paese aperto, dinamico e moderno. (gianluca zanella\ aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi