REGENI/ UNGARO (IV): IL CAIRO COLLABORI COMUNICANDO IL DOMICILIO DEGLI INDAGATI

Regeni/ Ungaro (Iv): Il Cairo collabori comunicando il domicilio degli indagati

ROMA\ aise\ - “La prima udienza del processo per l’assassinio di Giulio Regeni sarà fissata nella prossima primavera. Rimane purtroppo ancora aperta e irrisolta la questione dell'elezione di domicilio dei quattro imputati che la Procura di Roma chiede da tempo al Governo egiziano per poter notificare loro gli atti dell'inchiesta”. Così in una nota Massimo Ungaro, deputato di Italia Viva eletto in Europa, Segretario della Commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni.
“I quattro agenti dell'intelligence egiziana Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif devono rispondere di accuse pesantissime”, ricorda Ungaro che aggiunge: “nel rispetto delle competenze la Commissione Regeni in Parlamento è assolutamente a disposizione per supportare a qualsiasi livello, in particolar modo in ambito politico, il prezioso lavoro degli inquirenti italiani tenendo ben presente che il caso Regeni non è più solo una questione privata della famiglia Regeni ma è una ferita aperta della società italiana ed europea”.
“Una vicenda ben nota sui media internazionali anche di lingua araba ed è quindi assai improbabile – conclude – che i diretti interessati non siano venuti a conoscenza dell'avvio del processo in Italia”. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi