SCHIRÒ (PD): IL SUPERBONUS 110% OPERATIVO ANCHE PER GLI ITALIANI ALL’ESTERO

SCHIRÒ (PD): IL SUPERBONUS 110% OPERATIVO ANCHE PER GLI ITALIANI ALL’ESTERO

ROMA\ aise\ - “Il Superbonus è finalmente operativo. Sono stati emanati gli ultimi due decreti attuativi del Ministero dello Sviluppo Economico che definiscono le caratteristiche tecniche per gli interventi di efficientamento energetico delle case (comprese quelle degli italiani residenti all’estero) e stabiliscono i moduli da utilizzare, le modalità e i termini per la trasmissione all’ENEA della documentazione utile a dimostrare i requisiti richiesti”. A darne notizia è stata oggi Angela Schirò, deputata del Pd eletta in Europa.
Assieme a questi decreti, l’eletta all’estero ha reso nota anche l’emanazione della Circolare n. 24 dell’Agenzia delle Entrate, “che chiarisce compiutamente le nuove misure introdotte”. Schirò ha dunque ricordato ai connazionali residenti all’estero e proprietari di abitazioni in Italia, in una nota di oggi, “che anche loro possono usufruire dell’incremento al 110% della agevolazione fiscale (la possibilità quindi di effettuare i lavori gratuitamente)”.
“Con gli ultimi provvedimenti - ha evidenziato - sono stati stabiliti in maniera definitiva le tipologie e i requisiti tecnici degli interventi di beneficio, l’ambito soggettivo di applicazione dell’agevolazione nonché gli adempimenti da porre in essere ai fini della spettanza della stessa. Un’importante novità è rappresentata dalla possibilità di optare, in luogo della fruizione diretta della detrazione (di cui la maggioranza degli italiani residenti all’estero non potrebbe usufruire non producendo reddito in Italia) per un contributo anticipato sotto forma di sconto dal fornitore dei beni o servizi (cd. “sconto in fattura”) o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante. Le agevolazioni del Bonus al 110% riguardano tutti i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato (grazie anche al lavoro svolto dal Partito Democratico e dai parlamentari eletti all’estero) che sostengono le spese per l’esecuzione degli interventi agevolati, compresi familiari e conviventi”.
Le nuove disposizioni si affiancano dunque a quelle già vigenti che disciplinano le detrazioni spettanti per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, inclusi quelli antisismici (cd. “sismabonus”), nonché quelli di riqualificazione energetica degli edifici (cd. “ecobonus”).
“Gli italiani all’estero possono perciò optare – ha proseguito la deputata dem - in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, per un contributo sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto (cosiddetto “sconto in fattura”) anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e da quest’ultimo recuperato sotto forma di credito di imposta; in alternativa i contribuenti possono anche optare per la cessione del credito d’imposta di importo corrispondente alla detrazione ad altri soggetti come ad esempio gli istituti di credito e altri intermediari finanziari”.
“Ricordiamo che il Superbonus spetta a fronte del sostenimento delle spese relative a taluni specifici interventi finalizzati alla riqualificazione energetica e alla adozione di misure antisismiche degli edifici (cd. interventi “trainanti”) nonché ad ulteriori interventi, realizzati congiuntamente ai primi (cd. interventi “trainati”). In entrambi i casi, gli interventi devono essere realizzati su edifici residenziali in “condominio” che su edifici residenziali uni o plurifamiliari. Sono escluse le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9”, ha specificato.
Il Superbonus spetta dunque per interventi di isolamento termico, di sostituzione di impianti di climatizzazione, antisismici e di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici, di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.
“Credo che sia importante chiarire altresì che la agevolazione spetta anche per talune spese sostenute in relazione agli interventi che beneficiano del Superbonus - ha chiarito ancora Schirò -, come ad esempio le spese sostenute per l’acquisto dei materiali, la progettazione e le altre spese professionali connesse, comunque richieste dal tipo di lavori (ad esempio, l’effettuazione di perizie e sopralluoghi, le spese preliminari di progettazione e ispezione e prospezione)”. (aise) 

Newsletter
Rassegna Stampa
 Visualizza tutti gli articoli
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli