MARINA: L’ISTITUTO IDROGRAFICO VOLA IN MALESIA, INDONESIA E THAILANDIA

 MARINA: L’ISTITUTO IDROGRAFICO VOLA IN MALESIA, INDONESIA E THAILANDIA

ROMA\ aise\ - Missione in Asia per il Direttore dell'Istituto Idrografico della Marina (IIM), contrammiraglio Luigi Sinapi, che nelle scorse settimane ha visitato il Sud Est Asiatico, incontrando i colleghi degli Istituti e degli Uffici Idrografici di Indonesia, Malesia e Thailandia. Obiettivo della missione quello di incrementare la reciproca conoscenza delle dinamiche che riguardano il settore Idro-Oceanografico e per investigare ambiti di possibili cooperazioni negli specifici settori della idrografia, cartografia, oceanografia e alta formazione del personale.
In particolare, riporta la Marina, in Malesia la delegazione dell'IIM ha avuto modo di visitare il Malaysia National Hydrographic Centre (NHC), dove da parte del Direttore Generale malesiano, rear admiral Dato' Hanafiah bin Hassan, è stata molto apprezzata la presenza nazionale e la volontà di stabilire una più ampia cooperazione nei settori idro-oceanografico e della formazione del personale, auspicando una sempre più proficua cooperazione tra le rispettive Marine ed in particolare nei settori di specifico interesse
In Indonesia, presso l'Indonesian Navy Hydrographic and Oceanographic Center (PUSHIDROSAL), la delegazione italiana ha ricambiato la visita che il rear admiral Harjo Susomoro, Direttore Generale del Centro indonesiano, ha svolto a Genova lo scorso giugno. Visita, ricorda la Marina, grazie alla quale è già stata attivata una prima cooperazione in termini di formazione del personale indonesiano presso l'IIM lo scorso ottobre, con lo svolgimento di un corso inerente la materia Geospaziale e il supporto alle operazione navali. Anche nel corso di questa visita è stato manifestato un forte interesse per i corsi di formazione effettuati dall'IIM e sono state poste le basi per future attività di cooperazione.
Ultima tappa la Thailandia, dove all'Hydrographic Department Royal Thai Navy (HDRTN) la delegazione italiana è stata ricevuta dal Direttore Generale del centro, vice admiral Chaiwoot Nawikanjana.
Durante l'incontro è stato sottolineato come la diretta conoscenza degli interlocutori di settore a livello interregionale, è la base per espandere la mutua conoscenza tra le differenti aree del globo finalizzata ad incrementare iniziative che possano coinvolgere in modo inclusivo tutti i Paesi membri dell'International Hydrographic Organization (IHO) al fine di aumentare la sicurezza della navigazione a livello mondiale.
La missione, sottolinea la Marina, “ha dato modo di instaurare e rafforzare i legami con le nazioni di questa area del globo che come l'Italia sono membri dell'IHO e di favorirne, in modo più ampio, il rafforzamento dei rapporti bilaterali tra i reciproci Paesi. Ciò è stato ampiamente sottolineato nel corso degli incontri che la delegazione ha avuto con gli Ambasciatori italiani presenti nei Paesi visitati, suscitando un elevato interesse per l'attività svolta dall'IIM e ricevendo dalle locali sedi diplomatiche un concreto e straordinario supporto, a testimonianza di un “sistema Paese" efficacie ed efficiente”.
“Il continuo confronto che l'IIM porta avanti con nazioni anche geograficamente lontane, unito alla mutua conoscenza delle attività svolte, - conclude la Marina – è un fondamentale elemento abilitante che fornisce un valore aggiunto alle attività nazionali del settore idro-oceanografico, andando ad incrementare la qualità del lavoro svolto a garanzia della sicurezza della navigazione ed a tutela dell'ambiente marino”. (aise) 

Newsletter
Archivi