CONTINGENTE ITALIANO IN LIBANO: CAMBIO DI CONSEGNE AL SECTOR WEST

CONTINGENTE ITALIANO IN LIBANO: CAMBIO DI CONSEGNE AL SECTOR WEST

BEIRUT\ aise\ - Il passaggio di mano della Bandiera delle Nazioni Unite ha sancito il cambio del contingente italiano in UNIFIL: il Generale B. Diego Filippo Fulco, comandante della Brigata “Granatieri di Sardegna” ha ceduto il comando al parigrado Andrea Di Stasio, comandante della Brigata “Sassari”. A sancire il trasferimento d’autorità Stefano Del Col, Force Commander e Head of Mission della missione UNIFIL nel Sud del Libano.
Presente alla cerimonia – svolta, in tono minore a causa delle restrizioni legate alla pandemia, all’interno della base “Millevoi” - l’Ambasciatrice d’Italia in Libano Nicoletta Bombardiere.
Quello che è giunto a conclusione – sottolinea la Difesa – è stato il mandato continuativo più lungo per un contingente italiano in UNIFIL nella quarantennale storia della partecipazione italiana alla missione di pace: 254 infatti sono stati i giorni di intenso lavoro in una zona di operazione di 650 kmq nella quale operano cinque battaglioni lavorando giorno e notte con i colleghi delle 15 nazioni che formano la Joint Task Force - Lebanon Sector West.
Si è chiusa con oltre 60.000 attività svolte la Leonte XXVII, di cui 29.000 attività notturne scaturite dalla volontà di incrementare la presenza sul territorio anche in quell'arco temporale.
In oltre mesi 8 mesi di lavoro, 12.500 pattuglie circa hanno presenziato e controllato la Blue Line, la linea di demarcazione tra Israele e Libano che percorre per 55 km l’area di operazioni sotto guida italiana. Un impegno che non ha subito flessioni ed è stato riarticolato dopo il 21 febbraio, data del primo caso ufficiale di COVID in Libano.
I peacekeeper – precisa lo Stato Maggiore – hanno adottato una serie di misure precauzionali necessarie per salvaguardare se stessi e la popolazione locale dal contagio, continuando però ad assolvere al proprio compito. E così i 3.800 soldati sotto la guida del Gen. B. Fulco hanno proseguito le loro attività operative con una media di 250 attività al giorno.
“Gli ottimi risultati che sono davanti agli occhi di tutti sono stati costruiti giorno dopo giorno con dedizione, attenzione, sacrificio - ha ricordato Fulco parlando ai suoi uomini - il vostro lavoro la vostra preparazione la vostra capacità e la vostra abnegazione sono state un ingrediente indispensabile per ottenere il risultato raggiunto, aggiungere altri otto mesi di pace alla storia recente di questo paese. Avete operato come ci si aspetta da un basco Blu delle Nazioni Unite”.
L’operato del Sector West, della Brigata Granatieri di Sardegna e del suo comandante è stato riconosciuto all'unanimità ed il Presidente del Libano Michel Aoun ha concesso al Generale Fulco la medaglia d’argento al merito dell’Esercito libanese.
“Non posso che essere orgoglioso del lavoro che avete svolto con attenzione, dedizione e professionalità in condizioni di crescente difficoltà”, ha sottolineato Del Col, quarto italiano a comandare UNIFIL una delle missioni delle UN più grandi con i suoi oltre 10.000 uomini sul terreno. “Ai colleghi della Sassari ed al loro comandante il Generale Di Stasio non posso che augurare un altrettanto importante impegno, sicuro che la loro esperienza anche nell’operare in Libano ne farà da subito degli ottimi peacekeeper”. (aise) 

Newsletter
Archivi