“Libia, quale Stato Sociale?”: domani il webinar dell’Airl

ROMA\ aise\ - “Libia, quale Stato Sociale?” è il titolo del webinar che l’Associazione Italiani Rimpatriati dalla Libia (Airl) trasmetterà domani, 28 luglio, alle 17.30, live sulla propria pagina Facebook.
Nel processo di normalizzazione della Libia che sta preparando, sotto l’egida dell’Onu, le libere elezioni del 24 dicembre 2021, è fondamentale capire di cosa abbia bisogno la popolazione libica, stremata da un decennio di rivolte, Isis e guerre interne.
Ne parleranno il giornalista Rainero Schembri, coordinatore del Movimento di Tutela Sociale, il professor Enea Franza, direttore del dipartimento di Scienze Politiche dell’Università della Pace e Souad Khalil, intellettuale, scrittrice e artista, in collegamento dalla città di Bengasi in Libia. A moderare l’evento Daniele Lombardi, direttore della rivista Italiani di Libia, organo di stampa di AIRL Onlus.
Il Movimento di Tutela Sociale è un movimento internazionale d’opinione nato a Roma nell’ambito di un gruppo di giornalisti italiani ed esteri, molti dei quali collegati alla REA, Radiotelevisioni Europee Associate, che ha promosso e sostenuto questa iniziativa. Si batte per il rilancio e il rafforzamento dello Stato Sociale, non solo in Italia, ma in tutto il mondo. A tale scopo sono stati individuati sette diritti capitali: diritto al lavoro o al reddito universale; diritto a una sana alimentazione; diritto allo studio; diritto alla casa; diritto alla salute; diritto a un’assistenza legale umanitaria; diritto a informare ed essere informato.
L’Università Internazionale per la Pace Roma è la struttura delegata a rappresentare l’Organismo Onu Università per la pace – UPEACE, nel Sud Est europeo, nel Medio Oriente, nel bacino del Mediterraneo e nell’Africa Settentrionale e Sub-sahariana.
Per stato sociale si intende l’insieme delle politiche sociali, cioè di politiche pubbliche volte a soddisfare bisogni sociali (ovvero, legati alle condizioni di vita, come nascita, maternità, istruzione, abitazione, vecchiaia) e proteggere i cittadini da rischi (quali malattia, invalidità, infortuni). Le politiche sociali perseguono l’obiettivo di produrre il benessere (welfare) dei cittadini, in base a valori riconosciuti da una determinata società, e riflessi in diritti, norme e standard riconosciuti nella legislazione.
Secondo Treccani, lo Stato sociale è un insieme di politiche pubbliche con cui lo Stato fornisce ai propri cittadini, protezione contro rischi e bisogni prestabiliti, in forma di assistenza, assicurazione o sicurezza sociale, prevedendo specifici diritti sociali nonché specifici doveri di contribuzione. per includere la predisposizione di tutele e di servizi ai cittadini, riducendo le diseguaglianze risultanti dalle strutture familiari e di classe, e offrendo sicurezze materiali e opportunità di sviluppo individuale e collettivo. (aise)