MISSIONE IN KOSOVO: CAMBIO AL VERTICE NEL CONTINGENTE ITALIANO

MISSIONE IN KOSOVO: CAMBIO AL VERTICE NEL CONTINGENTE ITALIANO

PRISTINA\ aise\ - Si è svolta questa mattina, 15 luglio, la cerimonia di avvicendamento alla guida del Regional Command West (RC-W), contingente italiano in missione in Kosovo, che ha visto il Colonnello Natale Gatti cedere al pari grado Gianluca Figus il comando dell’unità multinazionale composta da militari delle Forze Armate italiane - oltre che da contingenti austriaci, moldavi, sloveni, turchi, polacchi e svizzeri - che opera nel settore ovest del Kosovo.
I militari del 5° reggimento artiglieria terrestre “Superga” dell'Esercito di stanza a Portogruaro (Venezia) subentrano da oggi agli uomini e alle donne del 17° reggimento artiglieria controaerei “Sforzesca” con sede a Sabaudia (Latina), che hanno completato il proprio mandato in Kosovo.
Nel periodo compreso tra dicembre e luglio, gli artiglieri del 17° hanno contribuito a garantire sicurezza, stabilità e libertà di movimento nel proprio settore di operazione, secondo il mandato della Risoluzione 1244 delle Nazioni Unite del 1999, favorendo il processo di dialogo tra Serbia e Kosovo promosso dall’Unione Europea.
“Le attività del Regional Command West sono continuate anche durante l’emergenza COVID19 che ha interessato la regione balcanica, senza influire sulla capacità operativa della missione KFOR.
I militari italiani e delle altre sei nazioni hanno assunto tutte le misure di prevenzione raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel condurre le operazioni, tra cui spiccano la protezione del Monastero Serbo-Ortodosso di Visoki-Decane – unico sito sorvegliato dalla missione NATO – e il pattugliamento dell’area di responsabilità attraverso centinaia di pattuglie motorizzate e appiedate, condotte anche in collaborazione con la polizia del Kosovo”, ha sottolineato il colonnello Gatti nel ringraziare i propri militari per l’impegno dimostrato durante il mandato del 17° reggimento.
Notevole è stato il sostegno fornito in modo imparziale dal contingente italiano alle istituzioni e alle comunità locali attraverso 18 donazioni di pc, arredi scolastici e materiali didattici. Importante anche il contributo dato dal RC-W alla risposta locale al COVID-19, con la distribuzione alle autorità sanitarie e di polizia del Kosovo di apparecchiature mediche e dispositivi di protezione individuale.
“Gli artiglieri del 5° tornano nei Balcani dopo circa 7 anni e sono pronti a contribuire, in collaborazione con le istituzioni del Kosovo, alla sicurezza della regione ovest, in una fase delicata come quella in corso, caratterizzata dall’emergenza COVID-19 che non comprometterà la capacità della missione KFOR di condurre operazioni”, ha dichiarato il colonnello Gianluca Figus, dopo aver assunto la guida del RC-W.
Il passaggio di consegne è avvenuto alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia in Kosovo, Nicola Orlando e del Comandante di KFOR, Generale di Divisione Michele Risi. Nel suo discorso, il Generale Risi ha espresso il proprio apprezzamento per l’operato dei militari del Regional Command. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi