MISSIONE IN SOMALIA: INAUGURATO IL NUOVO PROGETTO CIMIC

MISSIONE IN SOMALIA: INAUGURATO IL NUOVO PROGETTO CIMIC

ROMA\ aise\ - La Cellula per la Cooperazione Civile e Militare (CIMIC) dell’Italian National Support Element (IT-NSE) della Missione in Somalia ha organizzato e condotto attività a favore della popolazione somala.
In particolare sono stati donati dei medicinali di difficile reperimento sul mercato interno presso la clinica pediatrica nel distretto di Waaberi e presso l'ospedale Forlanini nel distretto di Shibis.
La clinica di Waaberi, una delle tredici MCH (Mother and Child Health) censite e supportate dal Ministero della Sanità della Repubblica Federale Somala, è stata recentemente ristrutturata grazie a un progetto CIMIC.
Gli MCH rappresentano un punto di riferimento nell'assistenza alle donne durante la fase della gravidanza, del parto e nell'assistenza dei bambini fino ai 5 anni, fornendo loro cure e visite specialistiche gratuite e cicli vaccinali per i bambini.
Viene anche fornito supporto psicologico nei sempre più frequenti casi di violenze domestiche, grazie alla presenza di vari consultori ed ambulatori con psicologi e altri specialisti forniti dal Ministero della Sanità o da varie Organizzazioni Internazionali. Questa donazione sottolinea l'importanza che il contingente Italiano nella missione in Somalia ha da sempre attribuito all'assistenza delle fasce più deboli della popolazione e rappresenta uno degli obiettivi principali delle attività CIMIC nazionali.
Il District Commissioner Mahad Elmi Ali ha voluto partecipare personalmente alla cerimonia di donazione, sottolineando la gratitudine e la vicinanza verso il popolo ed i militari italiani per il continuo supporto fornito alla sua comunità ed al popolo somalo.
Il secondo evento ha avuto luogo presso l'ospedale Forlanini nel distretto di Shibis, dove è stato inaugurato un progetto CIMIC relativo al risanamento del pozzo esistente con l'installazione di una nuova pompa ad immersione alimentata da pannelli fotovoltaici ed alla realizzazione di un nuovo serbatoio per la raccolta e la distribuzione dell'acqua.
Contestualmente sono stati donati alla Dottoressa Fadumo, direttrice dell'ospedale, una serie di farmaci specifici per la cura delle malattie mentali, richiesti direttamente dal Ministero della Sanità perchè non reperibili sul mercato locale.
L'ospedale Forlanini è al centro di una serie di iniziative supportate dalla Cellula CIMIC e dalla Agenzia per la Cooperazione e Sviluppo Italiana che intendono portare la struttura a divenire il centro di eccellenza per la cure delle malattie mentali di tutta la Somalia.
Nel discorso di ringraziamento, alla presenza del Comandante dell’Italian National Support Element (IT-NSE) della Missione in Somalia Tenente Colonnello Michele Rinaldi, la direttrice ha sottolineato il continuo supporto che il contingente Italiano ha fornito nel tempo all'ospedale soprattutto nell'assistenza alle famiglie con pazienti affetti da malattie mentali. (aise) 

Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi