Pensiero globale, azione locale: da Torino uno sguardo sulla governance globale dopo la guerra all’Ucraina

TORINO\ aise\ - L’aggressione russa in Ucraina ha richiesto una risposta senza precedenti in Europa. Nel frattempo, le sfide politiche, economiche e sociali poste dalla pandemia hanno mostrato l’esigenza di soluzioni negoziate e condivise a livello internazionale. Guardando poi oltre l’orizzonte emergenziale della pandemia, dinamiche sistemiche come la lotta al cambiamento climatico e gli sforzi per uno sviluppo sostenibile, la pace e la sicurezza euro-atlantica richiedono interventi condivisi dai principali attori internazionali, un ruolo più incisivo del sistema multilaterale e un coinvolgimento più sistematico degli attori locali.
L’Istituto Affari Internazionali – nell’ambito della partnership strategica con la Fondazione Compagnia di San Paolo – organizza la conferenza internazionale “Pensiero globale, azione locale: da Torino uno sguardo sulla governance globale dopo la guerra all’Ucraina” che avrà luogo il 5-6 luglio 2022 a Torino presso Palazzo Madama.
I lavori verteranno sulle dimensioni della governance internazionale più significative per la politica estera italiana.
L’iniziativa, spiega l’Istituto, intende mettere in prospettiva il ruolo del multilateralismo alla luce del nuovo contesto internazionale plasmato dalla pandemia, dagli effetti di medio e lungo termine sulle strutture della governance globale e dalle conseguenze della guerra in Ucraina. Saranno presi in considerazione il livello europeo e globale, ma anche alcuni dei temi e delle aree prioritarie per la politica estera italiana e i contributi degli attori attivi a livello locale, compresa la società civile.
Ad aprire i lavori, martedì 5 alle 14.00, saranno Ferdinando Nelli Feroci, Presidente dello IAI, e Francesco Profumo, Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo.
Dopo l’intervento di Enrico Giovannini, Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile, i lavori entreranno nel vivo con la prima sessione dedicata al tema “Guerra Russia-Ucraina: implicazioni per il futuro ordine globale”.
Seguiranno altre due sessioni tematiche: su “I rapporti transatlantici alla luce del nuovo Concetto Strategico Nato” e su “L'Europa e lo spazio mediterraneo dopo la crisi ucraina”.
La prima giornata si concluderà con una conversazione tra Nathalie Tocci, Direttore dello IAI, e i vincitori dello Iai-UniTo Essay Prize 2021 e studenti del collegio Carlo Alberto e Msoi Torino.
La giornata di mercoledì inizierà alle 9.00 con una sessione di apertura dedicata a “Le potenzialità delle partnership internazionali in un mondo che cambia”, cui seguirà l’approfondimento su “L’agenda delle riforme europee e il PNRR” e le sessioni su “Riconciliare sicurezza energetica e decarbonizzazione in Europa” e “Crisi globale, ristrutturazione delle catene del valore e rilancio della cooperazione economica nel Mediterraneo”. (aise)