I romanzi di Stefano Redaelli all’IIC di Varsavia

VARSAVIA\ aise\ - Il prossimo 8 giugno, dalle 18:00, Stefano Redaelli sarà all’Istituto Italiano di Cultura di Varsavia per presentare due dei suoi romanzi: “Beati gli inquieti” e “Ombra mai più”.
C’è una beatitudine nella follia? Quale ombra ci può proteggere, quale dobbiamo perdere per guarire? Su questo si interroga Stefano Redaelli nei suoi due romanzi, che raccontano una lunga indagine sulla follia del mondo e la saviezza dei folli: dentro e fuori dai luoghi di cura.
A Varsavia, l'autore ne parlerà con Alessandro Baldacci, professore di Italianistica a UW e coordinatore del presidio letterario del Comitato Dante Alighieri di Varsavia.
La conversazione sarà accompagnata dalla lettura di brani tratti dai due romanzi da parte dell'attrice Karolina Porcari.
Stefano Redaelli ha conseguito il dottorato in Fisica e il dottorato in Letteratura all’Università di Varsavia, dove insegna Letteratura Italiana, presso la Facoltà Artes Liberales. S’interessa dei rapporti tra letteratura, medicina, scienza e spiritualità. Tra le sue pubblicazioni scientifiche: A 40 anni dalla legge Basaglia: la follia, tra immaginario letterario e realtà psichiatrica (DiG, 2020), Nel varco tra le due culture. Letteratura e scienza in Italia (Bulzoni, 2016), Le due culture. Due approcci oltre la dicotomia (con Klaus Colanero, Aracne, 2016). Per la narrativa ha pubblicato la raccolta di racconti Spirabole (Città Nuova, 2008) e il romanzo Chilometrotrenta (San Paolo, 2011). Per Neo Edizioni ha pubblicato i romanzi Beati gli inquieti (Presentato al Premio Strega, Selezione Ufficiale Premio Campiello, Premio Napoli e Premio Flaiano 2021) e Ombra mai più (2022). (aise)