“ITALIA E GRAPHIC NOVEL”: A TOKYO DIALOGO TRA LORENA CANOTTIERE E UNO TAKANORI

“ITALIA E GRAPHIC NOVEL”: A TOKYO DIALOGO TRA LORENA CANOTTIERE E UNO TAKANORI

TOKYO\aise\ - “Importare fumetti europei in Giappone è come provare a vendere frigoriferi ai pinguini” è il poco rassicurante motto tra gli addetti ai lavori giapponesi che si occupano di graphic novel europee.
Benché il successo dei manga giapponesi non abbia rivali a livello internazionale, anche l’Italia ha una lunga tradizione di fumetti, con serie storiche che proseguono da oltre settant'anni e sempre nuove generazioni di autori. Negli ultimi anni, anche in Giappone sta aumentando l’interesse per fumetti e graphic novel europee. Di questo si parlerà il 23 ottobre all'Istituto Italiano di Cultura di Tokyo con la fumettista Lorena Canottiere e Uno Takanori, editor e traduttore.
L'evento, organizzato in occasione della XX Settimana della lingua italiana nel mondo (19-25 ottobre), il cui tema è "L'italiano tra parola e immagine: graffiti, illustrazioni, fumetti", si svolgerà in italiano e giapponese con traduzione consecutiva. Sarà possibile seguire l'incontro online tramite l'applicazione ZOOM.
Lorena Canottiere ha pubblicato storie e fumetti su riviste italiane come Internazionale, Corrierino, Schizzo Presenta, Mondo Naif, Black di Coconino Press e Oblomov Edizioni. Ha lavorato come illustratrice per le case editrici italiane Giunti, EL, Mondadori, Fabbri, Piemme e Rizzoli. Fra le sue tante opere citiamo: Oche. Il sangue scorre nelle vene (Coconino Press); ça pousse (edito in Spagna, Italia, Francia, Germania e Cile da Diabolo Edizioni); Verdad (uscito in Italia per Coconino Press, in Francia per Ici Meme e in Austria per Bahoe Books) e il recentissimo Salvo imprevisti (Oblomov). Nel gennaio 2018, è stata insignita del Premio Artemisia per il fumetto Verdad, con l'unanimità della giuria.
Dopo aver lavorato dal 1995 al 2013 in una casa editrice e libreria specializzata in manga a Parigi, Uno Takanori è stato coinvolto nella pianificazione editoriale di fumetti e bande dessinée sia in Giappone sia in Francia. Oltre all’attività editoriale, svolge anche il lavoro di traduttore. Tra le sue traduzioni segnaliamo: Gulliveriana di Milo Manara (edizione italiana Mondadori, pubblicato in Giappone da PIE International), Couleur de peau: miel di Jung (edizione francese Soleil Productions, pubblicato in Giappone da DU BOOKS) e L'Arabe du futur di Riad Sattouf (edizione francese Allary Editions, pubblicato in Giappone da Kadensha). (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi