MA CI RITROVIAMO. MA CI RITROVEREMO. MA CI RICONOSCEREMO – DI FRANCESCO D'ARELLI

MA CI RITROVIAMO. MA CI RITROVEREMO. MA CI RICONOSCEREMO – di Francesco D

MONTREAL\ aise\ - In questi giorni di profonda tristezza, il nostro pensiero e i nostri sentimenti sono rivolti alle numerose famiglie italiane che hanno già subito la sottrazione definitiva dei propri Cari, alle migliaia di sofferenti che lottano negli ospedali per la vita, ai tantissimi medici, infermieri e operatori sanitari che agiscono eroicamente al servizio dello Stato, uno Stato che rivela la sua antica natura e vocazione etica. Uno Stato che si prende cura dei propri cittadini, così come la famiglia della propria prole.
Questo è l'umanesimo della nostra civiltà, questo è l'esempio della nostra cultura quotidiana. "Siamo tutti senza nome. Siamo tutti senza figura. E se siamo nell'ombra e se siamo nella notte, e se siamo nell'ora folta che precede l'alba, non possiamo chiamarci a nome, né scrutarci nel volto. Ma ci ritroviamo. Ma ci ritroveremo. Ma ci riconosceremo". (francesco d'arelli*\aise)
* direttore Istituto Italiano di Cultura di Montreal



Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi