“QUO VADIS, ITALIANO 2020?”: IN AUSTRIA TRA PAROLE IMMAGINI E TESTI PER LA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA

“QUO VADIS, ITALIANO 2020?”: IN AUSTRIA TRA PAROLE IMMAGINI E TESTI PER LA SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA

VIENNA\ aise\ - Ispirandosi al tema della Settimana della Lingua italiana nel Mondo, ovvero “L'italiano tra parola e immagine: graffiti, illustrazioni, fumetti”, dal 29 al 31 ottobre prossimi l'Università di Graz e l'Istituto Italiano di Cultura di Vienna organizzano il convegno “Quo vadis, italiano 2020? Parole, immagini e testi. Prospettive della didattica della letteratura e del plurilinguismo”.
Si tratta della terza edizione della conferenza internazionale rivolta a docenti e studenti di lingue e letterature in Italia e all’estero, con l’obiettivo di rinnovare l’attenzione sulla lingua e sulla cultura italiana in una prospettiva di incontro interdisciplinare, interculturale e plurilingue tra studiosi e studenti.
L’edizione del 2020 metterà al centro il legame tra lingua e creatività, con incontri di approfondimento sulle reciproche e molteplici implicazioni tra lingua e immagine. Particolare attenzione sarà dedicata per questo sia alle tesi di bachelor e di master delle studentesse e degli studenti di didattica dell’italiano dell’Istituto di Romanistica – con una sezione di poster – sia al workshop di Giulio Camagni “Raccontare a Fumetti”.
"In questo modo la sezione di Didattica di italiano presso l'Università di Graz, di cui è titolare la Prof.ssa Simona Bartoli-Kucher, insieme all'Istituto Italiano di Cultura di Vienna diretto da Fabrizio Iurlano, sono voluti entrare in consonanza con il nuovo profilo della didattica delle lingue straniere nato all’Università di Graz: PädagogInnenbildung NEU"
All'evento, che sarà ospitato dalla stessa Università, parteciperanno in presenza e on line numerosi studiosi di linguistica e didattica dell’italiano nonché, in presenza, la fumettista "romana d'adozione" Takua Ben Mohamed e il fumettista "viennese d'adozione" Giulio Camagni.
Il convegno si svolgerà prevalentemente in italiano, con interventi in tedesco e in altre lingue. Lo si può seguire interamente in diretta streaming, senza necessità di registrazione, a questo link. (aise)


Newsletter
Notiziario Flash
 Visualizza tutti gli articoli
Archivi