Educazione interculturale: il nuovo webinar della Fondazione Ismu

ROMA\ aise\ - Offrire uno spazio in cui discutere sull’attualità dell’approccio interculturale in educazione, rivisitandone la valenza educativa e sociale, considerando il contributo di differenti prospettive disciplinari, nonché la ri-definizione di questa prospettiva dalla teoria alla pratica professionale. Questo l’obiettivo del nuovo ciclo di seminari online che la Fondazione Ismu dedica alle pratiche interculturali. Il prossimo webinar – il terzo della serie – si terrà il 6 luglio e avrà per tema “Intercultural Education: Critical and Practical Challenges”.
I lavori si terranno sulla piattaforma zoom dalle 16.00 alle 18.00.
Il webinar si aprirà con una riflessione sulla teoria e sulle pratiche dell’educazione interculturale e sull’esigenza di spingere il dibattito sui modelli di ‘gestione’ della ‘diversità’ oltre i confini europei.
Seguirà un’intervista inedita a Tariq Modood, esponente centrale dell’attuale acceso dibattito sociale e politico su Interculturalism vs Multiculturalism.
Chiuderà questo webinar un dialogo pluridisciplinare sul riconoscimento nell’educazione interculturale per combattere il razzismo e lottare per la giustizia sociale in educazione (Paola Dusi); sulla la sfida dell’educazione interculturale in un mondo globalizzato in relazione all’eredità materiale e immateriale delle comunità indigene (Adine Gavazzi); e sulla la funzione delle pratiche riparative in educazione, proponendo lo Study Circle Model come approccio educativo dialogico per la costruzione di comunità e la promozione di un apprendimento attivo (Anna Bussu).
I lavori saranno introdotti da Mariagrazia Santagati, Responsabile scientifica del Settore Educazione, Fondazione ISMU.
Quindi Cinzia Pica-Smith (Department of Human Service and Rehabilitation Studies, Assumption University, Worcester, MA, USA), Carmen N. Veloria (Education Department, Suffolk University, Boston, MA, USA) e Rina Manuela Contini (Dipartimento di Economia Aziendale, Università di Chieti-Pescara, Italia) presenteranno il volume “Intercultural Education: Critical Perspectives, Pedagogical Challenges and Promising Practices (2020)”.
Dopo l’intervista a a Tariq Modood, inizierà la tavola rotonda sul tema “Interculturalism in a global world. A multidisciplinary outlook” con i citati contributi di Paola Dusi (Dipartimento di Scienze Umane, Università di Verona, Italia), Adine Gavazzi (UNESCO Chair in Anthropology of Health, Biosphere and Healing Systems) e Anna Bussu (Department of Applied Health and Social Care, Edge Hill University, UK).
Il webinar si terrà in lingua inglese. (aise)