ISA TOPIC: A BOLOGNA IL LABORATORIO INTERDISCIPLINARE SULL’IDENTITÀ E L’INTEGRAZIONE

ISA TOPIC: A BOLOGNA IL LABORATORIO INTERDISCIPLINARE SULL’IDENTITÀ E L’INTEGRAZIONE

BOLOGNA\ aise\ - Si svolgerà il 24 ottobre, tra le 10.00 e le 17.00 presso la Sala Rossa del Palazzo Marchesini di Bologna, il workshop internazionale e laboratorio interdisciplinare “ISA Topic 2019”, realizzato in collaborazione con l’ONG Heritage For peace. L’iniziativa intende dimostrare come il patrimonio culturale possa fungere da strumento per l'integrazione sociale e come in passato sia già servito a tale scopo.
Diversi i relatori della giornata, tra cui Isber Sabrine (Presidente dell’Heritage for Peace a Barcelona, Spagna), Stefan Weber (direttore dell’Islamic Art Museum of Pergamon Museum, Berlino, Germania), Eric Jong Yoong Lee (giurista dell’YIJUN Institute of International Law, a Seoul, in Korea), Olimpia Niglio (docente alla Kyoto University, in Giappone), Massimo Carcione (advisor dell’International Committee of the Blue Shield ICBS), Claudio Cimino (Segretario Generale del WATCH - World Association for the Protection of Tangible and Intangible Cultural Heritage in times of armed conflicts), Paola De Nuntiis (del CNR), Roberto Grandi (Presidente dell’Istituzione Bologna Musei), Andrea Griletto (Direttore di Assorestauro) e Davide Bocelli (consulente innovativo)
A introdurre e moderare Donatella Biagi (UNIBO) e Giuseppe Maino (New York Academy of Sciences, USA)
Nella società di oggi, i fenomeni migratori e di accoglienza/inclusione richiedono la consapevolezza che l'individuo non ha più una identità ben definita ma, di fronte al rischio di perderla e di non averne più nessuna (il migrante), può e deve assumerne molteplici, da quella di origine e provenienza a quelle della nuova realtà di cui è ospite e alla quale può utilmente contribuire con la propria esperienza di vita e di conoscenze. Allo stesso modo il cittadino della società ospitante può e deve arricchirsi culturalmente e non solo dal contatto con altre realtà, acquisendo così nuove identità in aggiunta e complemento alla sua propria. Verranno illustrate alcune delle più importanti esperienze a livello europeo di valorizzazione del museo come luogo di inclusione sociale, riconoscimento e mediazione interculturale: "Multaka: Museum as Meeting Point — Refugees as Guides in Berlin Museums" e "Abuab" ("Porte" in arabo), progetto che mira a lavorare sull'uso del patrimonio culturale come strumento di integrazione sociale per rifugiati / immigrati di lingua araba, proposto dall'Istituzione Milà i Fontanals del CSIC e dell'Università di Girona e con la partecipazione di musei in diverse città europee. In questa ottica, a partire dal workshop di studi e confronto di esperienze, con la collaborazione degli studiosi coinvolti, si propone di creare un gruppo di lavoro per rintracciare e censire nella città di Bologna, da sempre crocevia di esperienze multiculturali e internazionali grazie alla presenza dell'Ateneo e dell'Istituto dell'Accademia delle Scienze, le testimonianze e le presenze delle culture altre, in collaborazione con l'Istituzione Bologna Musei. (aise) 

Newsletter
Archivi